More

    HomeNotiziePoliticaMetta, in commissione urbanistica «di che parliamo?»

    Metta, in commissione urbanistica «di che parliamo?»

    Pubblicato il

    Franco Metta scrive ai Presidenti. A Natale Curiello, presidente del Consiglio, e a Rocco Dalessandro, presidente della 3° Commissione “Assetto del Territorio-Urbanistica”. L’avvocato ravvisa una finzione, o meglio una inutilità della seduta odierna. O ancora l’intenzione di prendere in giro qualcuno.

    Cari Presidenti, in merito alla Commissione convocata per oggi, martedì 6 marzo, vorrei segnalarVi che.

    1) Il primo punto all’ordine del giorno, concimaia Lisi, va avanti ed indietro da mesi; tutti sappiamo che non si può fare, che si tratta di una variante assolutamente illegittima. Comunque, è giusto che passi in commissione. Vediamo chi avrà il coraggio di sostenere questo obbrobrio.

    2) Il secondo punto è pleonastico. Il Piano di attuazione area ex Franceschinelli è stato adottato con voto unanime, esclusi due voti del gruppo PD. Non ci sono state osservazioni. Lo approviamo in Consiglio e amen.

    3) Zone PEEP – 167 Via Padula e Rione Fornaci. E’ notorio che non si possa fare un bel nulla, se non ciance. Scaduti i vincoli di PRG. Che si discute a fare? Per illudere qualcuno?

    4) Questione Paglietto Eugenia. NON HO CAPITO L’ARGOMENTO IN DISCUSSIONE. NON C’E’ UNO STRACCIO DI CARTA DA STUDIARE. NON CI AVETE MANDATO NULLA. DI CHE PARLIAMO?

    Un dubbio. Per Lisi, come per Paglietto, come per Fornaci: NON E’ CHE L’AMMINISTRAZIONE, VOI INCONSAPEVOLI, voglio sperare, USA L’ORDINE DEL GIORNO DELLA COMMISSIONE PER ILLUDERE GLI INTERESSATI. PER FINGERE UN PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO, CHE – INVECE – NON E’ IN CORSO, NON E’ IN ATTO? IN ALTRE PAROLE PER PRENDERE IN GIRO QUALCUNO? Non è questa la funzione della Commissione.