More

    HomeEvidenzaMetta sul Bilancio: "agonia politica, economica e istituzionale"

    Metta sul Bilancio: “agonia politica, economica e istituzionale”

    Pubblicato il

    Pubblichiamo di seguito una nota dell’avv. Metta, comparsa a margine del Consiglio comunale di ieri 21 agosto, e sull’approvazione del Bilancio di Prevenzione 2012 da parte dell’amministrazione Giannatempo. Ecco il documento completo.

    UN BILANCIO PREFALLIMENTARE

    Antonio Giannatempo approva il terz’ultimo bilancio preventivo della Sua fallimentare carriera amministrativa, certificando lo stato di agonia della istituzione comunale. Un bilancio pre\fallimentare. Ufficializza l’agonia politica, economica ed istituzionale del Comune di Cerignola. In perfetta continuità con la prima esperienza amministrativa di Giannatempo, proseguita in termini fallimentari da Matteo Valentino e conclusa con questa ennesima disastrosa esperienza giannatempiana. Nel bilancio nessuna prospettiva di rilancio politico e amministrativo. Nessuna programmazione. Nessun investimento possibile. Solamente gestione dell’ordinario. Sopravvivenza, alla giornata. “Tirare a campare”. E’ certificato quel che ci aspetta. Gestione dell’ordinario, ho appena detto; ma anche qualche ardita operazione di speculazione edilizia (Roberto Ruocco docet, con l’affare acquedotto); qualche soldo al pallone….Ancora i Reddavide, i Conte e compagnia bella alla ricerca di un palco su cui salire. Il fallimento è dietro l’angolo: potrebbe essere innescato dalle tante bombe economiche ad orologeria che il sempre più agitato assessore Gallo si è seminato alle spalle. Sperano di vendere beni comunali per fare cassa, ma li hanno iscritti a bilancio per cifre folli, del tutto impraticabili, perché diversamente non avrebbero pareggiato il bilancio. Un cane che si morde la coda, mentre la Gema ci ha succhiato sangue e forza. Unica consolazione, palesata persino in alcuni interventi, è che I PROBLEMI SARANNO LASCIATI A CHI VERRA’ DOPO! PER ORA L’IMPORTANTE E’ RESISTERE. ACCETTANDO ANCHE CHE UNA BANDERUOLA COME IL CONSIGLIERE LAGUARDIA DICA TESTUALMENTE AL PROPRIO SINDACO: “ANTO’, TU MI HAI PRESO PER IL CULO”. Non solo Lei, consigliere………..