More

    HomeEvidenzaMPC chiede la firma di Ruocco per un Consiglio su Inceneritore Borgo...

    MPC chiede la firma di Ruocco per un Consiglio su Inceneritore Borgo Tressanti

    Pubblicato il

    Pubblichiamo di seguito un comunicato del Movimento Politico la Cicogna, nel quale si fa riferimento all’Inceneritore in contrada Paglia e sulla sua imminente messa in funzione. Il gruppo civico chiede aiuto a Gianni Ruocco per raggiungere il quorum necessario a convocare una seduta monotematica del consiglio comunale e chiedere spiegazioni all’Ass. Palladino. Ecco il documento completo.
    La stampa nazionale annuncia l’imminente avvio della attività dell’inceneritore Marcegaglia, a Borgo Tressanti. A Palazzo di città si continua ad opporre un ostinato e inspiegabile silenzio alle legittime richieste di informazioni e aggiornamenti sull’iter procedurale del proposto ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, attualmente all’esame del Consiglio di Stato. E’ opportuno ribadire che una pronuncia favorevole dei Giudici Amministrativi, allo stato, è l’unica possibilità concreta (il resto sono chiacchiere di esibizionisti) per scongiurare l’avvio della attività di incenerimento. La Cicogna fu determinante nella assunzione di questa iniziativa giudiziaria, ma da allora l’assessore Palladino rifiuta ogni aggiornamento, ogni informazione sullo stato del procedimento. Non possiamo tollerare ulteriormente questo stato di dolosa mancanza di informazioni. Il Movimento Politico La Cicogna ha, pertanto, deciso di proporre la auto convocazione del Consiglio Comunale per una doverosa discussione generale e uno specifico aggiornamento sullo stato della procedura giudiziaria. Sarà per questo richiesta l’adesione al consigliere comunale Gianni Ruocco per il raggiungimento del quorum di firme necessario per la auto convocazione della assise comunale. Entro questa sera il testo sarà sottoposto alla attenzione del consigliere Ruocco. Intanto, la cittadinanza viene invitata a giudicare severamente la inattività della Amministrazione e la arroganza imperdonabile dell’Assessore Palladino, che rifiuta le doverose informazioni ai cittadini e persino ai Consiglieri Comunali. Evidentemente è troppo impegnato a far decollare la raccolta differenziata dei rifiuti, crollata ormai al sei cento. Cioè, in concreto, a zero. E, del resto, se differenziamo troppo, nell’inceneritore Marcegaglia che ci bruciamo?