More

    HomeNotizieCulturaMurale Di Vittorio, l'Amministrazione presenta alla Regione domanda di finanziamento

    Murale Di Vittorio, l’Amministrazione presenta alla Regione domanda di finanziamento

    Pubblicato il

    “Giuseppe Di Vittorio è un patrimonio di tutta la città, che tutti, sottolineo tutti, vogliamo salvaguardare e valorizzare; per quanto mi riguarda, farò tutto il possibile perché non venga perduto niente di ciò che ha fatto e rappresentato il nostro sindacalista”. Con queste parole il Sindaco di Cerignola, Antonio Giannatempo, motiva la decisione dell’Amministrazione di presentare alla Regione Puglia una domanda di finanziamento per realizzare un progetto denominato “Ieri e oggi: Di Vittorio e i diritti di sempre”. Il progetto punta a recuperare, restaurare e reinstallare in città il dipinto murale dedicato a Di Vittorio, realizzato nel 1975 da Ettore De Conciliis e Rocco Falciano, due degli artisti del Centro di Arte Pubblica Popolare di Fiano Romano. Il murale venne poi rimosso a metà degli anni ’80 a causa dei lavori di ristrutturazione della piazza in cui era collocata, la vecchia piazza della stazione, e ora è depositato nei magazzini comunali di viale Sant’Antonio. L’Amministrazione intende dunque sfruttare le opportunità offerte dal “Programma Emersione Puglia”, un piano predisposto dall’assessore regionale al Welfare, Elena Gentile, e che prevede la realizzazione di interventi di educazione alla legalità nel mondo del lavoro nel territorio pugliese”. In questo ambito, ha indetto un Avviso Pubblico riguardante la presentazione di progetti finalizzati a promuovere azioni di sensibilizzazione delle istituzioni pubbliche; tra queste, la raccolta, il recupero e la messa a disposizione permanente di manufatti artistici, materiale bibliografico, iconografico, audiovisivo, documentale e statistico sulle tematiche del lavoro. L’importo massimo previsto per ogni finanziamento è di 75mila euro. Partner del Comune sono le cooperative sociali cerignolane AlterEco e Pietra di Scarto. Hanno inoltre manifestato la loro adesione ideale all’iniziativa ed il loro supporto la Fondazione Di Vittorio, la Cgil (Confederazione provinciale di Foggia), la Pro Loco e Oltrebabele.

    La prima azione prevista è la bonifica dell’opera d’arte dall’amianto, per consentirne una piena fruizione da parte dei cittadini nel rispetto della salute; poi si procederà al suo recupero e restauro, ed alla catalogazione e documentazione fotografica di tutti i frammenti in cui è diviso il murale: in un secondo momento saranno eseguiti la pulitura dei frammenti stessi, l’intelaiatura del murale e l’intervento di protezione formale in grado di preservare l’opera nel tempo. La terza azione è tesa alla posa in opera ed al posizionamento del murale, mediante risorse finanziarie reperite dal Comune, oltre all’eventuale finanziamento della Regione. Il luogo prescelto è Piazza della Libertà, di fronte al Piano delle Fosse, testimonianza unica dell’antica civiltà contadina di Cerignola e luogo simbolo del lavoro nel nostro territorio. A tutto ciò si accompagneranno attività di animazione a supporto dell’opera di restauro, tra cui convegni sul pensiero e le opere di Giuseppe Di Vittorio; eventi di presentazione di libri incentrati sulla legalità nel mondo del lavoro; incontri formativi con studenti; una mostra sulla civiltà contadina della Capitanata.

    Franco Conte, presidente della Consulta comunale per la Cultura, che ricorda come negli anni passati del problema del recupero del murale si siano occupati diverse associazioni come il Gruppo Torre Alemanna, la Pro Loco e Daunia Sud, e più recentemente gruppi di interesse su facebook, afferma che “sul murale non si può accettare alcuna strumentalizzazione politica. Il Comune ha lavorato alacremente con varie associazioni. Il bando richiedeva determinati requisiti per le associazioni interessate al progetto, requisiti che non tutte hanno e per questo alcune non sono state coinvolte”. Conte ringrazia “a nome dell’Amministrazione Comunale l’assessore Elena Gentile che, con la pubblicazione del Bando, ha offerto la speranza di poter oggi vedere finalmente restaurato il murale e realizzare un sogno di tutta la città. In caso di aggiudicazione, si procederà ad indagini di mercato per l’assegnazione delle varie fasi di lavoro. Se abbiamo deciso di collocare il murale in Piazza della Libertà, è perché la riteniamo una scelta di continuità con gli interventi di valorizzazione di quell’area, dove troverà spazio anche un museo multimediale della civiltà contadina”.