More

    HomeNotizieCronacaPiazza sicura, lo dicono le immagini. Gestori: "No a strumentalizzazioni"

    Piazza sicura, lo dicono le immagini. Gestori: “No a strumentalizzazioni”

    Pubblicato il

    Le immagini di sabato sera in piazza parlano chiaro. Non è successo nulla. Nel quadrilatero del teatro Mercadante nessun focolaio di rissa e a confermarlo sono le immagini e, in coro, i gestori di Supper Club, Tai Pan e Night&Day. «Fino alle 3,30 del mattino, ora in cui abbiamo chiuso i locali, non è successo nulla – affermano i gestori dei locali -. Ci dispiace che qualcosa che non esiste venga strumentalizzato a fini politici. Oggi la piazza è più sicura di quanto non lo fosse in passato».

    I fatti – L’esponente del movimento giovanile di Fli aveva sollevato il problema, parlando di una fantomatica rissa che le immagini hanno smentito dopo la serata di sabato. A seguire in molti, oltretutto in forma anonima, hanno commentato la notizia che presto ha fatto il giro del web incontrando più dubbi che conferme.

    I gestori – «Il rischio, come dappertutto, esiste, ma noi ci siamo attrezzati, con telecamere e guardie pagate da noi». Dichiara nello specifico Gaetano Paparella del Supper Club: «Io ho chiamato personalmente diverse persone e addetti ai lavori. Nessuno ha visto niente, nessuno sa nulla. Non ho trovato riscontri oggettivi. Se qualcosa è successo è avvenuto fuori dalla piazza. Inoltre quando in passato è successo qualcosa, come nel caso del bicchiere in faccia, io ho denunciato l’accaduto e i locali sono rimasti chiusi di sabato in segno di protesta, coinvolgendo opinione pubblica e amministrazione comunale. Non siamo omertosi, ma non vogliamo neanche che si strumentalizzino cose nemmeno accadute».

    La piazza è sicura – Cerignola, a seguito di polemiche politiche volte a screditarne l’immagine, rischia così di veder danneggiata la propria economia. Se esiste un problema sicurezza, dire che questa ha il suo fulcro in piazza può risultare pericoloso, in un momento storico in cui la crisi rischia di mettere in ginocchio chi in quella piazza ha investito del denaro per costruire un luogo dove i giovani cerignolani possono passare le proprie serate, senza andar fuori, senza rischiare di incorrere in stragi del sabato sera.