More

    HomeNotizieCulturaPodisti a rischio. Non basta una linea gialla

    Podisti a rischio. Non basta una linea gialla

    Pubblicato il

    Con l’estate ormai alle porte, complici le prime giornate di sole e la voglia di stare all’aria aperta, sempre più gente decide di affrontare il “percorso podistico” in zona San Marco-Via Tiro a Segno. Podisti, ciclisti, atleti veri o improvvisati, donne terrorizzate dalla prova costume e chi più ne ha ne metta affollano questa strada ogni giorno, in particolar modo nel primo pomeriggio. Sembra quasi che i cerignolani si siano svegliati da un lungo letargo ed ora sentano una voglia incombente di fare sport!

    Questo è un bene, certo, ma a far notizia non è questa ritrovata passione per lo sport che ha contagiato tutti, o quasi, ma i pericoli più o meno seri che gli sportivi sono soliti incontrare durante il suddetto percorso. Si potrebbe stilare una classifica dal titolo: “I nemici dello sport all’aria aperta”. Al quarto posto si posizionano i “cani corridori”: moderni ed improbabili personal trainer che inseguendo il podista di turno gli permettono di conseguire record nella corsa degni di Usain Bolt. In terza posizione si classificano i “molestatori  teenagers”: in sella ai loro inseparabili scooters e rigorosamente senza casco sfrecciano a tutta velocità, rallentando soltanto alla vista di qualche bella donzella che diventerà l’oggetto dei loro “amorevoli” commenti. Al secondo posto ci sono i “disturbatori su 4 ruote”: gentilissimi dongiovanni che oltre a “corteggiare” le giovani atlete, accompagnano le imprese sportive di tutti con brani intensi e pieni di significato direttamente dal “Festival della Canzone Napoletana”. I podisti ringraziano. In cima alla classifica si posiziona, come era ovvio, il traffico. E’ un continuo via vai di mezzi pesanti e trattori che insieme a macchine e motorini rappresentano davvero un pericolo per chi decide di fare sport su questa strada.

    Con la speranza che chi di dovere non aspetti qualche triste e spiacevole episodio di cronaca per risolvere al più presto questa situazione, si ringrazia vivamente il comune per quell’importantissima linea gialla disegnata lungo la strada. Lì sì che ci si sente al sicuro!