More

    HomeEvidenzaQuestione rifiuti, la ricetta del Pd per risolvere il problema

    Questione rifiuti, la ricetta del Pd per risolvere il problema

    Pubblicato il

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente un comunicato stampa giunto in redazione a firma Luigi Pizzolo, responsabile del Forum Ambiente del Partito Democratico. Nella nota, si prospettano alcune soluzioni per venire a capo dell’annoso problema rifiuti e della sua gestione.

    Sulla gestione dei rifiuti tutti parlano ma pochi sanno di cosa…

    Continuano, anche se in maniera meno continua e, per alcuni versi, estemporanea, le prese di posizione circa la questione del conferimento di R.S.U. presso l’impianto complesso di Cerignola. Il tutto mentre, a due anni dalla messa in liquidazione di A.S.I.A. S.p.A., il Tribunale di Foggia ha sentenziato il fallimento di AMICA, l’ex municipalizzata del capoluogo di provincia. Apparentemente sembrerebbero due questioni assolutamente distinte; invece il nesso c’è ed è forte. La politica, per troppi anni, ha valutato la questione impiantistica come prioritaria e autonoma rispetto alla gestione complessiva dei rifiuti. Ci si è divisi, e si continua a farlo, su quanti impianti è necessario realizzare e dove. Il tutto all’interno di logiche municipalistiche che tendono a trasferire altrove, sia in senso geografico che politico-amministrativo, l’adozione di scelte strategiche anche se spesso difficili ed impopolari. Mentre ci si appassiona in tali dispute, sfugge ai più la reale portata del governo dell’ambiente e le sue dinamiche economiche. Il costo sostenuto da aziende e comuni per dello smaltimento dei rifiuti è altissimo. In alcuni casi, addirittura, supera quello dei servizi di raccolta e trasporto. Costi che, è il caso di rimarcarlo, gravano per intero sulla fiscalità comunale e, quindi, sostenuti per intero dai cittadini. Inerzia, mancanza di coraggio politico, problemi congiunturali di natura economica e sociale, la somma di tali fattori determina l’impossibilità di reperire nuove risorse da destinare ai servizi di igiene urbana ed ambientale. Si badi, ci sono senz’altro delle responsabilità precise riferite all’incapacità del management di talune aziende di ottimizzare i costi ed evitare gli sprechi. Ma ciò non basta a spiegare il loro fallimento. Il problema principale è tutto nella logica, tipica di vaste aree del sud Italia, ma anche di realtà del nord, di considerare le ex municipalizzate come strumento per l’acquisizione e il consolidamento di consensi di natura clientelare. Da un punto di vista strettamente economico, la gestione dei rifiuti è un attività a rilevanza industriale e necessità di scelte politico-amministrative conseguenti. Ancora oggi ci sono sconosciute, per fare un esempio a noi vicino, le strategie che la nostra amministrazione comunale e il Consorzio FG/4 intendono implementare per raggiungere gli obiettivi improcrastinabili di efficienza del servizio (leggi raccolta differenziata, scelte impiantistiche, ecc.). E, soprattutto, con quali risorse. Il cosiddetto “decreto liberalizzazioni”, emanato recentemente dal Governo nazionale, introduce una novità di non poco conto: incentivare e premiare le aggregazioni di aziende di servizio pubblico locale. Quello delle “aggregazione” è un fenomeno che si è sviluppato già da diversi anni in Regioni come Lombardia, Emilia Romagna e Toscana. Il risultato è quello di aver creato aziende in grado in larga parte di autofinanziarsi grazia ad una efficace e lungimirante diversificazione nell’offerta di servizi. Alla luce di tali novità normative e della drammatica esperienza che ha coinvolto le aziende di Foggia e Cerignola, va colta l’opportunità per avviare a livello politico una riflessione sulla realtà produttiva della nostra provincia ed iniziare un percorso che porti alla creazione di un polo energetico-ambientale a livello provinciale. Un nuovo soggetto che abbia come obiettivo quello di reperire risorse anche sul mercato finanziario per non gravare interamente sulla fiscalità locale. E’ una sfida “alta” che lanciamo alle forze politiche, economiche e sociali del territorio ed è, riteniamo, l’unico modo per uscire da una contrapposizione asfittica che può regalare un’effimera visibilità ma non risolvere i problemi reali.

    1 COMMENT

    1. Mi scuso, ma non ho ben capito cosa voglia evidenziare il comunicato di cui sopra; suggerisco al suo estensero di usare meno lunguaggi così tecnicistici altrimenti i comuni mortali, come il sottoscritto, non riusciranno mai ad inquadrare nella giusta dimensione la problematica.Inoltre modestamente voglio far osservare che sarebbe ora che il PD, nelle sue varie articolazioni territoriali si faccia finalmente carico di una proposta organica che punti a fare chiarezza in tutto il settore per tentare di rendere il tutto più in equilibrio rispetto alle varie logiche inerenti per esempio sul potenziamento della raccolta differenziata, o altrimenti su possibili impianti di termovalorizzazione,oppure insistere ad aprire altre discariche o altro.E’ arrivato il momento di essere chiari su tutto ciò che si ha intenzione di fare.

    Comments are closed.

    Ultimora

    Controlli sull’autotrasporto internazionale: la Polizia Locale ha sanzionato 4 mezzi pesanti

    Nel pomeriggio di ieri, gli agenti della Polizia Locale di Cerignola hanno condotto un'operazione...

    Giornata Mondiale del Rifugiato, a Cerignola una festa per accogliere

    Anche quest'anno, l'associazione San Giuseppe Onlus risponde con gioia all’appello del Centro Servizi Per...

    Grano, CIA Puglia: “Bari e Foggia tornino a quotare il prodotto”

    “Con la campagna di raccolta in pieno svolgimento, occorre che le Borse Merci di...

    Cerignola, 17 locali comunali in comodato d’uso gratuito per gli enti del terzo settore

    Il Comune di Cerignola promuove l’associazionismo e l’animazione socioculturale mettendo a disposizione 17 locali...

    Serie C, il campionato 2024/25 prenderà il via domenica 25 agosto

    Tramite un comunicato ufficiale, la Lega Pro ha diffuso le date principali della stagione...

    Cerignola, stretta sulle bici elettriche: dieci sequestri dopo trenta requisizioni nel weekend

    Sono dieci le bici elettriche sequestrate questa mattina dopo i controlli effettuati dalla Polizia...

    Altro su lanotiziaweb.it

    Controlli sull’autotrasporto internazionale: la Polizia Locale ha sanzionato 4 mezzi pesanti

    Nel pomeriggio di ieri, gli agenti della Polizia Locale di Cerignola hanno condotto un'operazione...

    Giornata Mondiale del Rifugiato, a Cerignola una festa per accogliere

    Anche quest'anno, l'associazione San Giuseppe Onlus risponde con gioia all’appello del Centro Servizi Per...

    Grano, CIA Puglia: “Bari e Foggia tornino a quotare il prodotto”

    “Con la campagna di raccolta in pieno svolgimento, occorre che le Borse Merci di...