More

    HomeEvidenzaAC Foggia, i dubbi sulla convenzione di Ruocco e Metta

    AC Foggia, i dubbi sulla convenzione di Ruocco e Metta

    Pubblicato il

    E’ Gianni Ruocco ad avanzare sospetti sulla bontà della convenzione, ma sopratutto rispetto allo stato di salute della società foggiana. Per il consigliere dei Moderati per Tonti infatti, bisognerebbe discuterne nuovamente e approfonditamente. Intanto Franco Metta a ruota conferma e condivide l’idea del farmacista, diffondendo quanto sa sulla questione. «Innanzitutto lo stato di salute economica di questa società: non avevamo ancora pagato una fattura, che già in Comune sono piovute ben due azioni esecutive per debiti che A.C. Foggia non ha onorato. Parte della somma che avremmo dovuto versare come canone mensile per le millanta prestazioni che A.C. dovrebbe elargire a favore del Comune di Cerignola, prenderà altra direzione. Ben 48.000 euro verseremo alla società Sodi Scientifica spa, in relazione alle prime 4 fatture in favore di A.C. Foggia. Questa, dunque, percepirà 54.800 euro su 102 mila; il resto andrà a questa società debitrice. E per ogni futura fattura mensile di A.C. il Comune di Cerignola si è impegnato a pagarne 12.000 alla Sodi Scientifica spa. In sostanza – conclude Metta -, con i nostri soldi, non stiamo pagando servizi che A.C. si era impegnata ad assicurare al comune, ma stiamo pagando i debiti progressivi di A.C.».

    Stante così la situazione, viene fuori un quadro piuttosto differente rispetto a quanto si era detto in fase di stipula della convenzione, ovvero in relazione alla ‘convenienza’ per l’Ente. Inoltre, conclude Metta, «giungono dal Tribunale di Lucera notizie ancora più allarmanti sul coinvolgimento di A.C. Foggia, e del Suo ex Direttore, nella specifica qualità di rappresentante di A.C. Foggia in un serio procedimento penale, per reati gravi, commessi in danno del Comune di Lucera. Si discuterà il 3 aprile prossimo di falsi, aste turbate, appalti illeciti». Accuse, ovviamente, tutte da dimostrare. Ma la situazione probabilmente risulta ancor più grave se si considera che nella convenzione si parla di ‘opere’ sul fronte sicurezza. Una su tutte, il gabbiotto per l’ingresso a Palazzo di Città, per evitare gli episodi verificatisi in passato. Gianni Ruocco con il MP La Cicogna auto-convocheranno un consiglio comunale sul tema, oltre che sul caso del Centro d’Accoglienza di Borgo Libertà, iniziative nelle quali «sarà puntualmente coinvolto anche il gruppo del PD per un eventuale, ulteriore contributo».