More

    HomeEvidenzaANPI Cerignola: nessuno “spazio” alla memoria dall’amministrazione

    ANPI Cerignola: nessuno “spazio” alla memoria dall’amministrazione

    Pubblicato il

    Pubblichiamo di seguito una nota dell’ANPI Cerignola, a firma ANPI Giovani, nella quale si critica il comportamento assunto dall’attuale amministrazione per le celebrazioni del giorno della memoria: il 25 aprile. Ecco il documento completo.

    Nessuno “spazio”, né fisico, né culturale per la memoria a Cerignola. Il 25 aprile, festa nazionale di liberazione dal fascismo e giornata di ricordo dei partigiani caduti per la libertà, non è una sterile commemorazione di quanto accaduto anni orsono, ma la possibilità di rimettere al centro quei temi e quei valori fondanti della Costituzione, quali Libertà, Partecipazione, Diritti. La festa di Liberazione non è – e non deve essere – il ricordo lontano di quello che fu, ma la linfa per spingere oggi a credere in questi valori. E così mentre tutta Italia si mobilità per sottolineare l’importanza di questo evento, l’amministrazione, in piena solitudine, organizza la sua “sterile” parata di uomini in divisa, senza nemmeno provare a coinvolgere la cittadinanza o le associazioni che si rifanno ai valori che la Liberazione porta. Per questo l’ANPI di Cerignola, col Circolo “Pasquale Specchio”, si dissocia dalla marcia del 25 Aprile organizzata dall’amministrazione, non essendo stata nemmeno in via informale invitata a partecipare. La Festa di Liberazione non è una lavata di faccia, un rito da consumare. Non si può sfilare per la città richiamando i valori della Resistenza per poi mostrarsi totalmente sorda a quei valori in tutti gli altri giorni dell’anno. Già lo scorso anno, in data 2 aprile 2012, in una lettera del Presidente Provinciale dell’ANPI, protocollata e indirizzata al Sindaco di Cerignola, si chiedeva la possibilità di utilizzare e animare la sede dell’ANPI in Piazza Duomo, per ridare slancio al ricco patrimonio di valori che quella possedeva. A quella richiesta, nessuna risposta. Dopo una serie di solleciti, quella stessa richiesta è stata nuovamente inoltrata…con la stessa risposta: il nulla. E poi si arriva a scoprire che quella sede ormai è stata occupata da un giovane senza dimora e da luogo della memoria e del ricordo della Resistenza è diventata una residenza, nel silenzio assordante dell’amministrazione. Ci dissociamo dalla manifestazione del 25 Aprile organizzata dall’Amministrazione, ma non rinunciamo a ricordare il valore della Resistenza. Per questo Giovedi 25 aprile alle 19.00, saremo in Piazza della Repubblica e attraverso video e un reading di poesie e scritti sulla Resistenza, ricorderemo la Liberazione e in quell’occasione sarà anche possibile esprimere la propria adesione all’ANPI con il tesseramento 2013.