More

    HomeEvidenzaCerignola, 5 Consiglieri al Sindaco: sosta tariffaria a Cooperative B

    Cerignola, 5 Consiglieri al Sindaco: sosta tariffaria a Cooperative B

    Pubblicato il

    “Garantire continuità occupazionale, affidando il servizio della sosta tariffata alle cooperative di tipo B”. È quanto chiedono, in una lettera ufficiale al sindaco, i consiglieri comunali del Popolo della Libertà, Paolo Vitullo, Onofrio Bombino, Gianvito Casarella, Arcangelo Marro. L’iniziativa giunge all’indomani dell’implosione dell’accordo tra Comune e Ac Foggia, che allo stato attuale pone in forse il futuro di 7 ausiliari del traffico e degli impiegati amministrativi. “Nelle more dell’assegnazione definitiva a seguito di gara d’appalto – scrivono i 5 pidiellini –, in attesa dell’approvazione del prossimo bilancio di previsione 2013, si indica l’opportunità di ricorrere all’affidamento diretto (previa manifestazione di interesse) alle cooperative sociali di tipo B. Nello specifico, le normative prevedono espressamente la possibilità dell’affidamento diretto sotto soglia, sia pure a tempo determinato. Tale strumento infatti è stato già adottato per altri affidamenti analoghi”. Sul territorio, d’altro canto, esistono cooperative del tipo indicato, che già operano nel settore dei parcheggi. Si tratta di società no profit che erogano servizi ed impiegano, secondo la legge 381/91 e la legge regionale 21/93, individui svantaggiati in percentuale maggiore o uguale al 46% della forza lavoro complessiva. A Cerignola, cooperative di tipo B gestiscono quelli interrati di Piazza della Repubblica, di Piazza I Maggio e quelli a raso antistanti il Cimitero comunale.

    11 COMMENTS

    1. Amministratori come sempre c’è intruglio nelle vostre proposte, ma spero che questa volta non si sia fatto il “solito” ostruzionismo ad arte, per favorire “COOPERATIVE COMPIACENTI”, in quanto con mestiere tenete sempre lontano i neofiti di queste trappole “amministrative”. Il concludere sempre a favore dei soliti noti, i compagni di merenda, coloro che sanno “come si fa”. Non sarebbe meglio mettere insieme una coop anche di ex- detenuti che comunque lo stipendio, piccolo che sia a casa serve, magari poi il parcheggio si paga “volentieri”. In città come Foggia etc. queste cose si fanno. Da noi i disoccupati non si devono organizzare?

    2. Ammetto la mia ignoranza.
      Non conoscendo i significati di: “cooperative
      di tipo B” e “manifestazione di
      interesse”, per non fare brutta figura, mi astengo dall’esprimere una mia
      opinione. Semmai un autorevole parere potrebbe
      venire dalle forze politiche di
      opposizione… ma queste si esprimono attraverso i loro rappresentanti, in un
      eventuale dibattito in Consiglio Comunale .
      Esse, evitano di esprimersi fuori di quell’ambito per non correre il rischio
      di commettere un peccato mortale!

      Osservazione. Una cosa salta subito agli occhi: la vanità dei cinque Consiglieri. Poiché trattasi
      di consiglieri di maggioranza, non credo fosse necessario rivolgere istanza al Sindaco Giannatempo per
      iscritto. Bastava semplicemente riferirgli il loro punto
      di vista direttamente a voce.

      Comunque, il peccato
      di vanità, ci può pure stare, perché non
      costituisce atto ipocrita, né demagogico!

      Dimostrare l’interessamento ai loro probabili “ammiratori”, tutto sommato fa parte del gioco
      politico pulito.

      23-7-2013