More

    HomeNotizieCulturaCerignola, "L'altro Vietnam": mostra fotografica di Michele Vino all'Exopera

    Cerignola, “L’altro Vietnam”: mostra fotografica di Michele Vino all’Exopera

    Pubblicato il

    Una terra, il Vietnam, che dal 1960 al 1975 conobbe una guerra spaventosa che causò tantissimi morti; un fotografo cerignolano racchiude in 22 scatti fotografici a tinte forti un paese che vive in condivisione, attraverso i suoi colori e le sue usanze tipiche, cercando di dimenticare un passato pieno di contraddizioni. Si può sintetizzare così l’importante contributo che Michele Vino con la sua macchina fotografica ha realizzato in 50 giorni di viaggio, e che saranno in esposizione da venerdì prossimo presso Exopera fino a domenica 13 ottobre. Partendo dalla città di Ho Chi Minh dove c’è il mitico sentiero teatro di quella sporca ‘guerra’ in queste foto si raccolgono tante cose che il fotografo cerignolano in esclusiva per Lanotiziaweb.it racconta: “Un viaggio molto intenso e ricco di sensazioni, in modo particolare mi sono soffermato sugli sguardi della gente per capire e raccontare un paese che cerca attraverso l’idea della condivisione di luoghi, idee e altro di dimenticare ciò che il passato ha rappresentato; siamo stati abituati a veder presentato questo paese solo per immagini di guerra, adesso vive una nuova dimensione e mostra aspetti inattesi e poco conosciuti”. Un importante evento a cui hanno dato la loro adesione 6 sponsor locali, l’allestimento della mostra è dell’Architetto Raffaele de Filippis, con designer Giuseppe Schiavone, il ricavato del 25% delle fotografie esposte sarà devoluto all’Associazione Onlus “Care The People”, una organizzazione no profit a carattere internazionale che nasce dall’esperienza di cooperazione mondiale e volontariato in ambito sociosanitario, del dottor Enzo Falcone. Dagli anni 80 ha fatto partire degli interessanti progetti in Guinea, Laos e Vietnam, dove operano attualmente nella cittadina di Da Nang per dare assistenza sociosanitaria a persone disagiate e opera per l’istruzione e la formazione di donne e bambini, creando un modello di sviluppo sostenibile che garantisca a tutti i necessari bisogni per una vita normale.