More

    HomeEvidenzaCerignola, petizione dei farmacisti per potenziare il numero di poliziotti e carabinieri

    Cerignola, petizione dei farmacisti per potenziare il numero di poliziotti e carabinieri

    Pubblicato il

    Pubblichiamo di seguito una petizione dei farmacisti cerignolani, con la quale si chiede un potenziamento delle risorse umane, sia di Carabinieri che di Polizia, al fine di contrastare il sempre più crescente insorgere di eventi criminosi in città. Ecco il documento completo.

    Illustrissimi 

    Prefetto di Foggia

    Questore di Foggia

    Sindaco di Cerignola

    Presidente dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Foggia

    Presidente Federfarma Foggia

    L’ennesima rapina, per questa volta sventata, alla farmacia Pelagio compiuta la sera di martedì 30 aprile, mette nuovamente in drammatica evidenza la fragilità del sistema sicurezza nella nostra città. L’intervento pronto e deciso di un agente fuori servizio ha permesso di bloccare e assicurare alla giustizia il rapinatore, giovane e incensurato con il vizio della rapina. Meno di sessanta giorni orsono, una delegazione dei Capigruppo Consiliari del Comune di Cerignola guidata dal Sindaco e dall’Assessore alla Sicurezza, si incontrava con il Prefetto di Foggia, Luisa Latella, alla quale veniva illustrata la drammatica situazione dell’ordine pubblico in cui versa la città di Cerignola, ostaggio di delinquenza predatoria di assoluta pericolosità, e di indisturbata capacità di azione. Per qualche giorno la pressione delle forze dell’ordine è aumentata, ma nonostante questo gli episodi criminali, con cui purtroppo ci siamo abituati a convivere, non sono cessati. Dall’ultimo incontro con il Prefetto, innumerevoli sono stati gli episodi di rapina a danno di commercianti e di farmacie. Di queste ultime, ben cinque sono state bersagliate: due volte la farmacia Strafile, una volta la farmacia del Corso, una volta la farmacia Alicino ed ancora una volta la farmacia Pelagio che si trova a dieci metri dall’ingresso del Commissariato di Pubblica Sicurezza. È in atto una vera e propria sfida criminale ai danni della cittadinanza e delle forze dell’ordine che, pur al massimo della loro efficienza, restano purtroppo esigue e non sufficienti per far fronte all’aumento esponenziale della criminalità cittadina.

    Prova ne è l’ultima sventata rapina alla farmacia Pelagio, laddove un coraggioso agente di pubblica sicurezza, fuori servizio ed occasionale avventore della farmacia, ha affrontato e bloccato da solo uno dei tre rapinatori, che la sera del 30 aprile assaltavano l’esercizio. L’agente di polizia con estrema freddezza ha dovuto, arma in pugno, attendere ben venti minuti prima che giungessero rinforzi e poter effettuare l’arresto del pregiudicato in tutta sicurezza. Venti lunghissimi minuti durante i quali si è trovato solo nella farmacia tra i terrorizzati operatori sanitari e i clienti. Vale la pena sottolineare che quella sera nel vicinissimo commissariato di pubblica sicurezza era presente solo un piantone, e che le uniche due volanti operanti in città, una dei carabinieri e l’altra della polizia di stato, impegnate in altre operazioni, erano lontane da luogo del crimine. Questo testimonia, qualora ve ne fosse ancora bisogno, come ormai a Cerignola sia necessario ed urgente istituire un Commissariato di Primo Livello, con il conseguente aumento del numero degli agenti in servizio, e dotare di militi la locale caserma dei carabinieri. E’ per questo motivo quindi, che i farmacisti firmatari della presente petizione, chiedono alle autorità in indirizzo di prodigarsi al massimo perché Cerignola sia dotata di un maggior numero di poliziotti e carabinieri, tanti quanti purtroppo, ne merita la nostra città. Gli stessi firmatari chiedono che all’agente di pubblica sicurezza, intervenuto con tempestività e coraggio, sia concesso un solenne encomio, dichiarandosi sin da oggi disponibili a voler organizzare una cerimonia di pubblico ringraziamento con il conferimento di una targa e di un premio. I farmacisti di Cerignola inoltre si dichiarano sin da ora a disposizione delle forze di sicurezza e delle autorità cittadine e provinciali, per sostenere le loro richieste e favorire l’ottenimento di quanto sopra esposto affinché una città più sicura sia il luogo migliore per vivere in salute e serenità.

    4 COMMENTS