More

    HomeNotizieCronacaCerignola, picchiata dal figlio perché nega 50 euro

    Cerignola, picchiata dal figlio perché nega 50 euro

    Pubblicato il

    Nel contro dei consueti controlli nel territorio, i Carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato DIMICHINO Francesco, 24 anni, per estorsione e maltrattamenti in famiglia. I Carabinieri, allertati da una segnalazione giunta sull’utenza “112” relativa ad una violenta lite in atto, si sono portati presso un’abitazione privata ubicata nel centro abitato di Cerignola dove all’esito di tutti gli accertamenti compiuti sul posto hanno appurato che DIMICHINO, mediante violenza e minaccia, aveva costretto la propria madre a farsi consegnare la somma contante di € 50,00 per soddisfare sue esigenze private. Secondo quanto riferito dalla vittima le continue richieste di denaro, accompagnate spesso da minacce, andavano avanti da tempo. Nella circostanza la donna aveva opposto un netto rifiuto al figlio ed egli l’aveva aggredita con pugni, procurandole delle lesioni. La donna ha ricevuto le cure dei sanitari del 118 intervenuti sul posto che le hanno diagnosticato traumi alla testa ed a tutto il resto del corpo giudicati guaribili in 10 giorni.

    Arrestato in flagranza del reato di evasione TARANTINO Luigi, 64 anni. Nel corso dei controlli effettuati ai soggetti sottoposti ad obblighi, TARANTINO, che si trovava sottoposto agli arresti domiciliari, veniva sorpreso all’esterno della propria abitazione a chiacchierare con un’altra persona che non appena notava l’arrivo dei Carabinieri riusciva a dileguarsi. Al momento del controllo TARANTINO non forniva alcuna giustificazione plausibile del suo comportamento. I Carabinieri di Cerignola hanno, infine, tratto in arresto in flagranza di reato anche CAPUANO Giovanni, 22 anni, per resistenza a pubblico ufficiale. CAPUANO a bordo di uno scooter Piaggio Liberty non ottemperava all’alt intimatogli dai militari di pattuglia e si dava alla fuga lungo le strade del centro abitato. I militari lo inseguivano bloccandolo poco dopo. La persona fermata risultava sprovvista di patente poiché mai conseguita.

    Trinitapoli: un arresto per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. Sempre per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali, è stato tratto in arresto in flagranza di reato MICCOLI Antonio, 42 anni. I Carabinieri, allertati da una segnalazione giunta sull’utenza “112” relativa ad una furiosa lite in atto, si sono portati in via Mameli nel centro abitato casalino dove hanno notato una donna che correva rincorsa da MICCOLI che ad un certo punto la afferrava per i capelli e le tirava un violento schiaffo. Alla vista dei militari, MICCOLI si dava alla fuga mentre i Carabinieri, adoperandosi per offrire le prime cure alla malcapitata, avevano modo di appurare che la donna era la convivente dell’aggressore e che le violenze fisiche e verbali andavano avanti da diversi anni ormai; l’aggressione a cui avevano assistito altro non era che l’ennesimo epilogo di una lite finita male. Nel frattempo una pattuglia si era messa subito alla ricerca del fuggitivo rintracciandolo presso la propria abitazione. MICCOLI è stato condotto in caserma dove stante l’evidenza dei fatti è stato dichiarato in arresto per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

    6 COMMENTS

    1. Nella circostanza la donna aveva opposto un netto rifiuto al figlio ed
      egli l’aveva aggredita con pugni, procurandole delle lesioni. La donna
      ha ricevuto le cure dei sanitari del 118.

      VERGOGNATI MESCHINO.

      IL GIORNO CHE TUA MADRE VERRA’ A MANCARE, ( alla sig.ra Le auguro tra 100 anni) ALLORA CAPIRAI DI AVER PERSO UN TESORO DAL VALORE INESTIMABILE.
      SEI UN MESCHINO.
      Se proprio vuoi rifarti, chiedi scusa dalle un bacio e abbracciala forte, perchè Lei ti AMA e ti amerà sempre.
      Non dimenticarlo MAI.

      • Bacio, abbraccio, ma stiamo scherzando???un rifiuto umano del genere lo sbatterei a calci nei denti fuori di casa. Ma ditemi voi se questi sono figli………..nemmeno un animale!!!!!! FECCIA!!!

    2. Ama i tuoi genitori perché capirai il loro vero valore solo quando la loro sedia sarà vuota.

      Concordo in pieno con il commento del sig.La verità.

    3. Dispiace tanto per la mamma, difficile immaginare come si possa sentire.
      Non ci sono giustificazioni per questi animali e a Cerignola ce ne sono tanti, la cocaina e’ il problema! Queste sono le reazioni, l’astinenza….. Altro che centri di recupero, bisogna sotterrarli vivi.

    Comments are closed.

    Ultimora

    Presunte violenze al carcere di Foggia: tornano in libertà sei agenti della penitenziaria indagati

    Il Tribunale del Riesame di Bari ha rimesso in libertà sei dei dieci agenti...

    Audace Cerignola, con la Virtus Francavilla una delle ultime chiamate per i playoff

    Battute conclusive nel girone C di serie C: in programma la 36^ e terzultima...

    La Polizia Postale di Foggia sequestra oltre 40mila euro a due soggetti per truffa

    La Sezione Operativa per la Sicurezza Cibernetica di Foggia, al termine di una attività...

    Dal 15 aprile al via il calendario di disinfestazione e derattizzazione a Cerignola

    Con l'arrivo della primavera e delle alte temperature, l'amministrazione Comunale di Cerignola, come di...

    “Al cuore della democrazia”, verso la cinquantesima Settimana Sociale dei Cattolici in Italia

    Si svolgerà giovedì, 18 aprile 2024, a partire dalle ore 19,30, nel salone “Giovanni...

    Precisazioni del MISAAC sullo sciopero degli assistenti all’autonomia e comunicazione

    Pubblichiamo di seguito e integralmente una rettifica richiesta dal MISAAC, da parte del Portavoce...

    Altro su lanotiziaweb.it

    Presunte violenze al carcere di Foggia: tornano in libertà sei agenti della penitenziaria indagati

    Il Tribunale del Riesame di Bari ha rimesso in libertà sei dei dieci agenti...

    Audace Cerignola, con la Virtus Francavilla una delle ultime chiamate per i playoff

    Battute conclusive nel girone C di serie C: in programma la 36^ e terzultima...

    La Polizia Postale di Foggia sequestra oltre 40mila euro a due soggetti per truffa

    La Sezione Operativa per la Sicurezza Cibernetica di Foggia, al termine di una attività...