More

    HomeNotizieCronacaCerignola, si incatena davanti alla sede di Equitalia

    Cerignola, si incatena davanti alla sede di Equitalia

    Pubblicato il

    E’ di stamane una notizia triste che fotografa impietosamente il fallimento della macchina Stato. Un cittadino di Cerignola si è incatenato, in segno di protesta, presso la locale sede di Equitalia, rea di non avergli corrisposto le cifre dovute come restituzione di un pagamento errato. Inutile nascondersi dietro la scusa della burocrazia e delle sue lungaggini. La verità è che, purtroppo, la velocità con la quale viene giustamente richiesto ai cittadini di adempiere ai propri doveri fiscali, non viene poi di contro corrisposta ed eguagliata a parti invertite. E’ come un genitore che impone al proprio figlio di non assumere un determinato comportamento mentre egli stesso è il primo a non rispettare tale dettame. E’ bene che la società prenda subito provvedimenti prima che la situazione si faccia più grave. In questi primi mesi del 2013 ci sono stati numerosi suicidi, dovuti alla forte pressione fiscale che ha colpito le piccole e medie imprese. Oggi, il coraggio e la voglia di combattere di un cerignolano, danno un segno forte alla società civile e alla politica, locale e nazionale.

    Giungono anche parole di conforto da una parte della politica, sempre vicina alle classi sociali più deboli. Il Partito della Rifondazione Comunista, per bocca del Segretario Cittadino De Vitti, esprime la propria solidarietà al concittadino: «Il partito della rifondazione comunista appresa la notizia, odierna, dell’incatenamento del sig. Michele Raffaeli presso i locali dell’Equitalia di Cerignola, per la mancata restituzione di somme dovute, dichiara di essere solidale con il sig. Raffaeli Michele – esordisce il rappresentante a Lanotiziaweb.it -. Questa è la dimostrazione di come il governo ha una mano lunga per prendere, ma ha una mano troppo corta per non dare e quindi far fallire aziende, piccoli imprenditori, commercianti e artigiani. Noi vogliamo che questa Equitalia – conclude De Vitti – venga tolta definitivamente, e non portare sempre all’esasperazione i cittadini che si vedono recapitare cifre da capogiro. Forza Michele, Rifondazione ti è vicina».

    17 COMMENTS