More

    HomeEvidenzaFirmata la convenzione Comune-Diocesi per la nuova chiesa di Santa Barbara

    Firmata la convenzione Comune-Diocesi per la nuova chiesa di Santa Barbara

    Pubblicato il

    “Quanto avvenuto è davvero un fatto storico. Abbiamo raggiunto un risultato importante per la popolazione di un quartiere alle prese con problemi che andavano risolti da tempo ed ai quali ha dato adeguate risposte l’Amministrazione Comunale di Cerignola, che ha sbloccato la situazione facendosi carico delle esigenze di tante persone e che ringrazio per questo”. Cosi Monsignor Felice di Molfetta, Vescovo della Diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano, commenta la firma della convenzione con il Comune, avvenuta stamane presso la Curia, con la quale l’Ente cede a titolo gratuito alla stessa Diocesi un’area edificabile di 4358 mq per la realizzazione del Centro Parrocchiale “Santa Barbara” nell’omonimo quartiere. Il bene era stato acquisito dal Comune in seguito all’atto di cessione volontaria a titolo gratuito da parte della società “Terlizzi Srl” di Cerignola nell’ambito del Piano di Lottizzazione Santa Barbara Zona Cd Pl-Espansione Nord-Corso Vecchio. “Con questo atto – aggiunge il Vescovo – la Curia ribadisce la sua attenzione alle periferie, come abbiamo sempre fatto per tutti i nove comuni della Diocesi. E’ stato un parto alquanto travagliato ma di cui deve essere felice tutta la nostra comunità, oltre alle persone che abitano in quel quartiere, che avranno a disposizione una chiesa adeguata alle loro esigenze. E sarà un progetto di grande valore anche dal punto di vista artistico, perché sono convinto che le espressioni e le valorizzazioni del bello possano sostenere ed incoraggiare l’animo umano. E Santa Barbara ha bisogno di tutto ciò”. La Conferenza Episcopale Italiana ha fatto sapere che il progetto relativo alla costruzione della nuova chiesa è stato inserito nell’esercizio finanziario in corso: “tocca dunque a noi presentare il prima possibile il progetto esecutivo per vederci assegnato il contributo della Cei e dare così inizio ai lavori”.

    “Finalmente si inizia a dare corpo a quel piano di riqualificazione e valorizzazione di un quartiere, Santa Barbara, che per troppo tempo, è stato un semplice dormitorio”, afferma il Sindaco di Cerignola, Antonio Giannatempo, presente in Curia insieme ai dirigenti comunali Vito Mastroserio e Maria Valentino, quest’ultima in veste di sostituta del segretario generale. “La chiesa potrà rappresentare un importante punto di riferimento non solo spirituale, ma anche sociale e culturale – aggiunge il primo cittadino -. Sarà una di quelle strutture che sono sempre mancate in quella zona, che in futuro potrà contare su una serie di servizi utili a far finalmente sentire i residenti di Santa Barbara uguali agli altri cittadini di Cerignola. Se ci apprestiamo a mettere a posto questo primo tassello, il merito è della tenacia con cui l’Amministrazione ha lavorato su questo fronte, convinta da sempre della bontà di un piano di lottizzazione voluto per favorire uno sviluppo equilibrato di una zona importante della nostra città. Ringrazio per il contributo offerto la Giunta e i consiglieri di maggioranza, insieme al dirigente Mastroserio e al suo staff, così come il Vescovo Monsignor di Molfetta per il sostegno che ci ha sempre garantito, e le imprese lottizzanti per la loro sensibilità”.

    Don Pasquale Ieva, che della Chiesa di Santa Barbara è il parroco, parla di “anni di tribolazioni terminati oggi. Questa storia ha avuto un lieto fine, e ora speriamo di riuscire a veder partire quanto prima i lavori di costruzione del nuovo luogo di culto. Abbiamo faticato, siamo rimasti oggettivamente penalizzati a lungo nello svolgimento delle nostre numerose attività. Se siamo riusciti ad andare avanti è stato per merito degli sforzi di tante persone in gamba e volenterose. In molti si sono prodigati perché le nostre azioni potessero essere all’altezza di una situazione tanto grave, perché va rimarcato che per troppo tempo Santa Barbara è stata la periferia delle periferie. Siamo dispiaciuti per il fatto che alcuni non abbiano compreso l’importanza e la valenza sociale dell’operazione, ma felici per il risultato raggiunto”.