More

    HomeEvidenzaFuori Salone 2013: il Food Design Pugliese coordinato da Rosario Didonna

    Fuori Salone 2013: il Food Design Pugliese coordinato da Rosario Didonna

    Pubblicato il

    tavola_squid_in_black

    Nella splendida cornice dei 300 metri quadrati dello spazio espositivo istituzionale della Regione Puglia presso i locali della Triennale di Milano (Viale Alemagna, 6), da martedì 9 aprile e fino a domenica 14 aprile, ogni giorno alle 13.00 e alle 19.00 gli ospiti potranno ammirare e degustare una serie di mise en bouche e piccoli appetizer dal design innovativo e preparati esclusivamente con prodotti tipici della terra e del mare di Puglia.

    foto_aspic_di_verdure-lite

    L’iniziativa è un’idea di Food Sud System, collettivo di giovani pugliesi dalle competenze trasversali ma accomunati da una grande passione per la buona cucina e impegnati nella promozione e nella valorizzazione della Puglia e delle sue specialità: laureati, designer, gourmet, semplici appassionati ed ovviamente chef. Ai fornelli del Fuori Salone tre eccellenze pugliesi: Michele Rotondo, tra le più belle mani di Puglia, chef e proprietario di Masseria Petrino Palagianello a Taranto, William Tespi, noto “alchimista” della cucina e Domenico Cilenti, chef del ristorante Porta di Basso a Peschici, definito qualche anno fa da Luigi Cremona miglior chef del sud Italia. Il tutto coordinato dal cerignolano Rosario Didonna. 

    foto_squid_in_black-lite

    Ogni delizia è preparata sulla base di una serie di disegni tecnici ed è frutto dell’intensa collaborazione di questo staff: gli chef, nell’elaborazione dei manicaretti, si sono rigorosamente attenuti alle indicazioni dei progettisti. In questo contesto le materie prime della terra e del mare di Puglia si esaltano, soddisfacendo non solamente il gusto ma anche la vista. Ogni passaggio della creazione è documentato da tavole e foto. Nascono così la “squid in black”, un anello nero di biscotto salato che avvolge una bianca seppia marinata, completano l’appetizer delle fave verdi e del caviale di giallissimo limone, oppure “l’aspic di pecorino, fave e verdure”, rivisitazione in chiave di design del classico piatto pugliese a base di fave e formaggio. Qui il pecorino diventa una base di pasta frolla. Rivista anche la “parmigiana”, riproposta come fosse un medaglione, o il lecca lecca di spaghetti e tante altre tipicità.tavola_aspic_di_verdure