More

    HomeSportBasketIn bilico fino all'ultimo, il big match fra Castellano Udas e Ceglie...

    In bilico fino all’ultimo, il big match fra Castellano Udas e Ceglie va ai biancazzurri

    Pubblicato il

    Gara di straordinario interesse ieri sera al PalaDiLeo fra due delle formazioni più talentuose della serie C regionale. Con al seguito un foltissimo gruppo di supporters, arriva sul parquet cerignolano la corazzata Ceglie, forte del secondo posto in classifica generale e di alcune individualità di assoluto spessore. Ad accogliere gli avversari, la Castellano Udas, reduce dalla seconda sconfitta interna di stagione, ma pronta a rivendicare il suo ruolo di protagonista della scena regionale. I coachs Bufo e Totaro, recuperato il centro D’Arrissi dopo la squalifica, schierano il miglior quintetto con Susbielles e V. D’Arrissi, in avanti, Sierra, Dinanni e F. D’Arrissi in back. Risponde coach Cafarella che schiera a zona il suo quintetto composto da Curri e Rubino, Lescot, Motta e Faggiano. Di certo è impossibile bissare la gara di andata, che a detta di tutti fu la più bella gara di tutto il campionato, ma le aspettative sono alle stelle. Partono meglio gli ospiti. Velocità, schemi e mani di velluto sono armi più che temibili per tenere a bada gli udassini, che invece iniziano la gara molto contratti. E dopo un’iniziale fase di studio, i gialloblu mettono a segno un pesante parziale di più sette, che i padroni di casa stentano a recuperare. Ma sono gli stessi cegliesi a complicarsi la vita, allorchè Lescot, fino a quel momento dimostratosi cecchino dalle percentuali stellari, si rende responsabile di tre falli personali in quattro minuti, che costringono coach Cafarella a richiamarlo in panchina. Il regalo è ben sfruttato dalla Castellano Udas, che non tarda a riprendere in mano le fila della gara, dopo essere arrivata ad un preoccupante svantaggio massimo di 11 punti. Con Sierra e V. D’arrissi sugli scudi, il primo quarto si chiude su un accettabile 14-20. La seconda parte del primo tempo vede i biancazzurri di casa alla ricerca del colpo ad effetto che ridia morale a tutto il team. Ma è ancora il Ceglie a riprendere il largo, con Faggiano e Motta a dimostrare tutte le loro risapute qualità. Per gli udassini, fallito il tentativo del doppio play, il neoentrato Giordano viene sostituito con Rizzi, e la musica cambia. Il gigante cerignolano fa sentire tutto il peso dei suoi centimetri e sbarra ripetutamente la strada agli attacchi gialloblu. La ritrovata compattezza difensiva spalanca le porte della rimonta della Castellano Udas che con tutto il suo organico ricolma lo svantaggio e, prima della sirena, si mette per la prima volta in vantaggio, seppur di un solo punto.

    Alla ripartenza ci si aspetta la reazione del Ceglie, ma sono i biancazzurri a confermarsi alla guida del match, dopo i primi tre minuti in cui nessuna delle squadre riesce ad andare a segno. Rizzi e Dinanni da sotto, e Sierra e V. D’Arrissi dalla distanza, regalano ai tifosi di casa un entusiasmante più nove, recuperato solo nelle ultimissime fasi del quarto grazie alla freddezza di Motta e Faggiano. Ma con Lescot ancora in panchina per aver sciupato banalmente il suo quarto fallo personale, la Castellano Udas chiude la frazione con sette lunghezze di vantaggio. I dieci minuti finali mostrano chiaramente il sostanziale equilibrio che c’è fra le due franchigie. I locali tornano largamente imprecisi in chiusura di azione, mentre la gigantesca esperienza di Faggiano e Motta riporta sotto i brindisini. Con Lescot costretto a lasciare per falli, sono loro a guidare il rush finale dei gialloblu, contenuto con grande affanno dagli udassini. La gara si decide negli ultimissimi secondi. Prima è Sierra a fallire dalla lunetta il libero del più tre, e poi sarà Curri ad avere nelle mani i tre liberi della possibile vittoria, concessi con grande precipitazione dalla coppia arbitrale per un presunto fallo dall’arco di F. D’Arrissi a due secondi dal termine. Ma la giovane guardia cegliese si fa vincere dall’emozione, e realizzando un solo libero, consente alla Castellano Udas di chiudere il match in vantaggio di un punto. Gara ricca di contenuti tecnici e palpitante fino all’ultimo secondo, ma piena di errori in fase realizzativa, che lascia intatte le possibilità per entrambi i team nei prossimi play-off. Alla Castellano Udas va riconosciuto il merito di averci creduto con convinzione fino alla fine.

    TABELLINI

    1° quarto 14-20; 2° quarto 25-18; 3° quarto 18-12; 4° quarto 10-16.

    REALIZZATORI

    Castellano Udas: Sierra 32; V. D’Arrissi 11; Dinanni 8; F. D’Arrissi e Susbielles 6; Rizzi 4.

    Basket Ceglie: Motta 25; Lescot 12; Faggiano 10; Curri 8; Rubino 7; Laneve M. 4.

    Fuori Lescot al 33° per falli.

    Comunicato stampa Asd Udas

    13 COMMENTS

    1. Ho assistito alla partita, obbiettivamente non mi sono divertito molto, anzi è stata davvero un brutto mach dal tasso tecnico ed approccio mentale mediocre. Il giornalista che ha scritto questo articolo o è un tifoso sfegatato di questa squadra o si sarà confuso con un’altra gara. Comunque forza Cerignola!!!

      • Chiedo scusa alla Redazione, mi sono accorto solo ora che il fondo all’articolo c’è scritto che si tratta di un comunicato stampa A.S.D. UDAS, mi pareva strano che scrivevate tante cavolate…. forza Cerignola

    2. Per favore non facciamo propaganda quando scrivete articoli sulle partite. Com fate a scrivere certe cose ma chi scrive la vedela partita o sta a casa e se la s raccontare? Partita brutta come quella di dimenicascorsa. Vinta soli per demeriti altrui. Speriamo che si play off ci sia la tensione giusta magari con un adddetto stampa che cspisca qualcoss di pallacanestro

    3. Di sicuro nn e stata una bella pertita dal punto di vista tecnico ma dal punto di vista agonistico si. Chi scrive l’articolo puo anche essere un tifoso sfegatato e la puo vedere anche in un modo diverso dal vostro ma bisogna dare atto che questa squadra e partita x fare un campionato dignitoso e si trova quarta in classifica a 2 punti dal 2 posto se nn fosse stato x qualche partita persa x inesperienza ,poi voglio vedere quando arriverete voi in c2 e se ci arrivate cosa siete capaci di fare e ne parleremo ma prima vincete e poi rosicate ahahahahahaha……..

    4. C’è da dire che almeno l’Udas li scrive in italiano corrente gli articolo…ahahahahahahahahahahah

    5. Damiano Faggiano. Questo signore ha giocato per anni in serie A, ha vinto uno scudetto a Caserta ad inizio carriera, ha disputato le coppe europee, e fino a tre anni era in A/2 con la maglia del San Severo!

      Paulo Cesar Motta (Paulinho), serie A a Roseto negli anni 2000, esperienze al massimo livello in due continenti, ed un bagaglio pieno di classe !

      Kevin Lescot, 27 anni di talento puro, di andatura felina, di mira infallibile!

      solo questi tre fanno una squadra da paura ……non so quale partita avete visto Voi!!?!!

      Si è vero qualche errore di troppo , ma da ambedue le parti , determinata dall’alto livello di tensione agonistica!

      • vabbu filippo de luca, tu proprio non capisci un cavolo di pallacanestro.
        durante la partita balli come un bambino (che si vinca o si perda) , carino….ma dopo un po’ , fai ridere.
        ora che fai ? fai un copia incolla dai commenti altrui e li spacci per i tuoi ?

        • Invitiamo gli utenti a commentare sull’oggetto della notizia, evitando di dare giudizi offensivi…altrimenti saremo costretti a chiudere la discussione. Grazie, Redazione.

      • Dai Filippo fè u brav ka tou se l’onk ka s salv mizz a quedda mass d chiakill d l’udas…..

    6. Infatti l’Udas gioca a palla avvelenata quindi di che vi lamentate, siete voi dell’Olimpica a fare il GRANDE BASKET. ahahahahahahahahahahahahah

    7. ma siete sempre scontenti, sia se una squadra vince o perde avete sempre da dire rompete le scatole in entrambi i modi ma una volta tanto applaudite la squadra di “Cerignola” non vedete se sia UDAS, OLIMPICA o LAPIGE – forza Cerignola e basta.

    8. Per PAOLO: sinceramente mi diverto un mondo da 2 anni a questa parte e affogo le asperità della vita in questo fantastico sport che accomuna molto e da delle scariche di adrenalina che altrove non trovo…si come un bambino è vero !!E lo consiglio anche a te, vista la tua propensione alla polemica e alla tragicomica,…..per quanto riguarda il copia-incolla, beh! è evidente che sia tale visto che sanno tutti che vesto la figura di tifoso e basta e do una mano al buon andamento dell’organizzazione E BASTA!!! le informazioni le traggo da chi è più competente e ha frequentato il parquet, forse più di te !

      buona vita !!!

    Comments are closed.

    Ultimora

    Noi-Comunità in movimento sul problema dei medici di base a Cerignola

    Pubblichiamo di seguito una nota stampa del presidente dell'associazione politica Noi-Comunità in movimento, avv....

    “Per costruire una comunità inclusiva”, incontro a Cerignola presso Palazzo di Città

    Ha avuto luogo nella mattinata di venerdì 24 maggio, nell’Aula Consiliare di Palazzo di...

    La cucina del futuro: sempre più utilizzo di erbe

    Negli ultimi anni, la cucina ha subito una rivoluzione che ha coinvolto non solo...

    ResUrb Music Lab, a Cerignola laboratori musicali all’insegna dell’inclusione

    Al via da Martedì 28 Maggio le iscrizioni gratuite ai laboratori musicali realizzati da...

    Blitz dei carabinieri a Cerignola: venti custodie cautelari per traffico di droga | Video

    https://youtu.be/t4p0QHj0s3w Il 23 maggio 2024, i Carabinieri della Compagnia di Cerignola hanno dato esecuzione a...

    Web Marketing: cos’è e strategie

    Il nostro modo di comunicare, informarci e interagire è cambiato. Per le aziende vendere,...

    Altro su lanotiziaweb.it

    Noi-Comunità in movimento sul problema dei medici di base a Cerignola

    Pubblichiamo di seguito una nota stampa del presidente dell'associazione politica Noi-Comunità in movimento, avv....

    “Per costruire una comunità inclusiva”, incontro a Cerignola presso Palazzo di Città

    Ha avuto luogo nella mattinata di venerdì 24 maggio, nell’Aula Consiliare di Palazzo di...

    La cucina del futuro: sempre più utilizzo di erbe

    Negli ultimi anni, la cucina ha subito una rivoluzione che ha coinvolto non solo...