More

    HomeNotizieCulturaLa storia di Cerignola raccontata in un fine settimana

    La storia di Cerignola raccontata in un fine settimana

    Pubblicato il

    E’ sicuramente un fine settimana interessante per la cultura a Cerignola; spenti gli echi del grande successo del Premio Letterario Zingarelli ora tocca al Rotary Club di Franco Dimunno, insieme al Comune, portare alla scoperta dei cittadini la nostra storia in un mix fra scienza, giornalismo e letteratura. Sabato 4 e domenica 5 Maggio presso l’ex Opera si svolgeranno due interessanti appuntamenti: il primo, sabato prossimo alle 19.00, è dedicato alle glorie cerignolane, prendendo spunto dal libro scritto da Franco Conte ci si immergerà in un racconto in cui verranno riscoperti personaggi che i giovani non possono ricordare, ma per i meno giovani sì, da Luciano Antonellis a Vincenzo Buonassisi, passando per Michele Cianci, Luigi Metta, Francesco Cirillo giusto per citarne alcuni che verranno ricordati nel corso della serata, condotta dal Preside dell’Itis “Augusto Righi” Gioacchino Albanese. Al termine della serata ci sarà un intervento musicale del soprano Pia Raffaele, accompagnata al pianoforte da Federica Dazzeo, reduci da una splendida performance al Premio Letterario Zingarelli di 7 giorni fa. Domenica 5 Maggio serata tutta dedicata a Luciano Antonellis condotta da Roberta Fiorenti de “l’Attacco”. Scomparso un anno fa a 80 anni, profondo conoscitore della storia di Cerignola, il professor Antonellis è stato uno dei punti di riferimento più alti nel panorama culturale ofantino; non si possono dimenticare i suoi lavori, fra cui il dizionario dialettale Cerignolano, Cerignola fra seicento e settecento, e Cerignola Sotterranea: ipogei, cripti e cunicoli della terra vecchia. Proprio a Luciano Antonellis, ma anche a Michele D’emilio e Luciano La Sorsa, saranno intitolate 3 strade Sabato 4 Maggio alle ore 18.00.

    1 COMMENT

    1. Manco se inizi dal 1 gennaio al 31.dicembre di ogni anno a partire da 40 anni fà, riuscite a raccontare la storia di cerignola, che s pàss.

      La grande sfortuna della bellissima cerignola è che purtroppo è stata amministrata e ancora tutt’oggi viene amministrata da gente senza un briciolo di cuore.

      Cerignola doveva essere veramente invidiata da tutto il mondo, ha una posizione geografica che gli altri se la possono solo sognare, purtroppo il destino ce lo facciamo noi. Pertanto non ci lamentiamo, chi vuole il suo male pianga se stesso.
      Fatevi accaparrare come sempre dai soliti politici, e navigheremo sempre nella cacca.