More

    HomeEditoriale«...mo ci (ri)organizziamo!»

    «…mo ci (ri)organizziamo!»

    Pubblicato il

    Cerignola si riorganizza. La politica si (ri)organizza, o meglio prova a riposizionare le pedine. Dopo il valzer dimissioni e l’azzeramento degli assessori ancora una volta la città si ritrova senza uomini in cabina di regia, con diversi pretendenti più o meno dichiarati. Poi c’è chi, come il Partito Democratico, prova a pungolare Giannatempo con un «dimettiti». La Cicogna che fa eco con «magari», con la convinzione che il centrodestra durerà fino alla fine del mandato. New entry sono i dissidenti Pd di etnia incerta, oggi Cerignola Democratica, che preparano, come scrive lo stesso Pezzano, la riorganizzazione del «fronte civico». Ma cosa pensano i cittadini se lo è chiesto chi aspira a governare questa città? I problemi di ogni giorno chi li risolverà fino al tempo dell’organizzazione, della riorganizzazione e dell’elezione? Di cosa ha bisogno Cerignola, di una politica più organizzata, di nuovi posizionamenti o di idee migliori? E le idee, si sa, camminano sulle gambe degli uomini.

    Il “gioco” della politica ha stancato un’intera città che non vuole più aspettare, ma pretende, stremata dalla crisi e dalle tasse, risposte concrete. A Cerignola un giovane su due lavora. Un terzo delle famiglie ha difficoltà ad arrivare a fine mese. La parte ricca è quella che ha lavoro e dopo lavoro (senza considerare se è onesto, se paga le tasse e se produce “nero”). I baby spacciatori aumentano a dismisura (in certe zone l’attività è affidata anche a 15enni). C’è bisogno (più che di facce nuove) che chi ha già “toppato” si faccia da parte. I cittadini hanno bisogno di parlare a chi può comprendere, anche per condizione, certe situazioni. Un tempo i braccianti credevano in un ideale politico perché a capo del partito o del sindacato c’era un bracciante. Oggi un precario non può sentirsi certo rappresentato da un “apparato” composto esclusivamente da gente che può “investire” tanto in politica quanto in discount-blog. Per ora, tra posizionamenti vari, la voce dei cittadini trova spazio solo sui giornali, strumento utilizzato per dar voce alle spiacevoli vicende quotidiane, quelle che la politica non può capire o non vuole ascoltare. Perché si sta riorganizzando.

    Ultimora

    Presunte violenze al carcere di Foggia: tornano in libertà sei agenti della penitenziaria indagati

    Il Tribunale del Riesame di Bari ha rimesso in libertà sei dei dieci agenti...

    Audace Cerignola, con la Virtus Francavilla una delle ultime chiamate per i playoff

    Battute conclusive nel girone C di serie C: in programma la 36^ e terzultima...

    La Polizia Postale di Foggia sequestra oltre 40mila euro a due soggetti per truffa

    La Sezione Operativa per la Sicurezza Cibernetica di Foggia, al termine di una attività...

    Dal 15 aprile al via il calendario di disinfestazione e derattizzazione a Cerignola

    Con l'arrivo della primavera e delle alte temperature, l'amministrazione Comunale di Cerignola, come di...

    “Al cuore della democrazia”, verso la cinquantesima Settimana Sociale dei Cattolici in Italia

    Si svolgerà giovedì, 18 aprile 2024, a partire dalle ore 19,30, nel salone “Giovanni...

    Precisazioni del MISAAC sullo sciopero degli assistenti all’autonomia e comunicazione

    Pubblichiamo di seguito e integralmente una rettifica richiesta dal MISAAC, da parte del Portavoce...

    Altro su lanotiziaweb.it

    Presunte violenze al carcere di Foggia: tornano in libertà sei agenti della penitenziaria indagati

    Il Tribunale del Riesame di Bari ha rimesso in libertà sei dei dieci agenti...

    Audace Cerignola, con la Virtus Francavilla una delle ultime chiamate per i playoff

    Battute conclusive nel girone C di serie C: in programma la 36^ e terzultima...

    La Polizia Postale di Foggia sequestra oltre 40mila euro a due soggetti per truffa

    La Sezione Operativa per la Sicurezza Cibernetica di Foggia, al termine di una attività...