More

    HomeEvidenzaAppello di Longo: "Evitare svendita del cimitero"

    Appello di Longo: “Evitare svendita del cimitero”

    Pubblicato il

    Riceviamo e pubblichiamo una nota di Michele Longo, capogruppo Pd in Consiglio comunale, nella quale si rivolge un appello all’intera assise sulla questione dell’ampliamento del cimitero, punto all’ordine del giorno della seduta di mercoledì mattina. Ecco il documento completo.

    In vista del Consiglio Comunale del 14 maggio 2014 dove tra gli altri punti all’ordine del giorno vi è quello presentato dal Partito Democratico relativo alla realizzazione dei lavori di ampliamento del Cimitero, mi rivolgo con questa lettera, a nome del mio gruppo, direttamente a tutti i consiglieri per fermare la svendita del Cimitero Comunale con la perdita di una grande occasione di sviluppo economico del nostro territorio. Il Consiglio Comunale già il 26 marzo 2012, a seguito di un’autoconvocazione del PD, approvava unanimemente un ordine del giorno che impegnava l’Amministrazione ad effettuare uno studio che illustrasse allo stesso Consiglio le varie opzioni di realizzazione dell’opera del costo complessivo di 15 milioni di €. Tre erano le ipotesi oggetto di studio, la procedura di autofinanziamento dell’opera, lo strumento del leasing pubblico ed il progetto di finanza. Da quella data il Consiglio Comunale non ha potuto più discutere sull’argomento. La Giunta ignorando l’indicazione del Consiglio Comunale dava indirizzo al Dirigente di predisporre la gara d’appalto per la realizzazione dell’opera di 15 milioni di € mediante lo strumento del progetto di finanza, e aggiungeva anche la gestione, la manutenzione ordinaria e straordinaria, i consumi di acqua, energia elettrica, custodia e sorveglianza dell’intera struttura cimiteriale per l’importo di 450 mila € all’anno e per la durata di 25 anni. Tutto ciò significa, in parole semplici, cedere ad una grande impresa nazionale ingenti flussi finanziari derivanti dai risparmi dei nostri concittadini impoverendo ulteriormente una città ormai in crisi economica profonda. La nostra proposta invece è alternativa a quella della Giunta e si pone l’obiettivo della realizzazione dell’opera mediante la procedura di autofinanziamento. Ciò vuol dire che partendo dalla lista depositata negli uffici comunali dei circa 2000 cittadini che hanno inteso negli anni prenotarsi per l’acquisto dei loculi, è possibile finanziare l’intera opera. La nostra proposta prevede anche la realizzazione dell’opera in più lotti funzionali. Ciò significa la predisposizione di più gare d’appalto con importi tali da consentire la partecipazione anche alle nostre imprese locali. Con la nostra proposta si evita anche di cedere i servizi cimiteriali del costo di 450 mila € all’anno e per 25 anni ad una grande impresa nazionale e di consentire a più cooperative, magari di giovani, di partecipare alla gestione di tali servizi. Pertanto confidando nella Vostra sensibilità e responsabilità, l’invito che Vi rivolgo è quello di riflettere e di valutare le considerazioni della nostra proposta che ha il solo ed esclusivo obiettivo di realizzare l’opera e di consentire che gli ingenti flussi finanziari derivanti da questa operazione si trasformino in una grande opportunità di rilancio di sviluppo e di crescita delle nostre imprese e del nostro territorio.

    8 COMMENTS