More

    HomeSportBasketCastellano Udas, tua la ribalta nazionale: la DNC è cosa fatta

    Castellano Udas, tua la ribalta nazionale: la DNC è cosa fatta

    Pubblicato il

    Tutto come da previsioni al Pala DiLeo di Cerignola, con la Castellano Udas pronta a sfruttare il primo match point conquistato dopo una stagione lunga e faticosa, condotta sempre in testa al torneo. Clima teso e carico di aspettative, però, prima della gara per tutto il popolo udassino accorso in massa per non perdersi lo storico traguardo. E naturalmente, per tutti, bocche cucite e guai a parlare di vittoria e di campionato, per ovvie ragioni scaramantiche. Coach Totaro sa bene che di fronte ha un osso duro, per cui non rischia niente e manda la sua storica formazione di avvio con Serazzi in cabina di regia, Liguori e Jonikas alle ali, Francesco D’Arrissi centro e Sierra con ‘licenza di uccidere’. Le squadre di coach Loizzo hanno sempre un senso ed una dimensione, ed anche questa volta i cinque di partenza (Scavo, Albanese, Carulli, Koprivica e Ambruoso) manifestano immediatamente la propria indisponibilità a dare strada agli avversari. Al via è subito Albanese a mandare a segno la prima bordata di assaggio dalla distanza. Ma non passa molto tempo prima che i padroni di casa inizino a macinare basket di buon livello per prendere il comando della gara e non lasciarlo più fino alla fine. Con Jonikas costantemente impegnato a dar man forte a D’Arrissi per arginare i lunghi baresi, tocca a Sierra assumere l’iniziativa. Poi il lituano decide di uscire dai blocchi per chiamare fuori dal pittato Ambruoso, concedendo maggior spazio a Francesco D’Arrissi, autore di una prova maiuscola. Bloccato dalla disciplina Liguori, l’ingresso di Vincenzo D’Arrissi apre in attacco un‘altra bocca di fuoco che i baresi non si aspettavano e non erano pronti ad arginare. La guardia lucerina svolge al meglio il compito difensivo su Albanese, e si fa trovare puntualmente pronto quando si tratta di chiudere le azioni con la sua proverbiale precisione. I baresi sbandano, al punto che il grande lavoro difensivo di Jonikas e D’Arrissi manda in tilt l’attacco barese, costretto a chiudere la prima frazione con solo dieci punti in carniere e tredici punti da recuperare. Loizzo passa al piano ‘b’, mandando Scavo e Carulli in marcatura asfissiante su Serazzi e Sierra, e qualche risultato lo porta a casa, se è vero che ora a divenire stitico è l’attacco biancazzurro. Se a soffrire in avvio di azione è il play della Castellano Udas, le azioni ed i tiri conseguenti mostrano una scarsissima qualità, e questo favorisce il rientro in gara dei baresi, considerato che Jonikas è ora chiamato al doppio lavoro su entrambi i versanti del campo. L’accelerata finale prima della sirena porta nelle casse dei baresi un fatturato parziale di 7-0 che manda tutti nello spogliatoio con la Castellano Udas con solo due lunghezze di vantaggio.

    Totaro ha però pronta la sua contromisura, e con Amoruso a dar manforte a Serazzi e Vincenzo ‘el buitre’ D’Arrissi a colpire dalla distanza, si ristabiliscono subito le distanze. Lo sforzo sovrumano di Jonikas continua per tutta la gara ma dà risultati davvero eccellenti perché ai lunghi ‘blaugrana’ vengono letteralmente chiusi i rubinetti in fase realizzativa. A completare l’opera ci pensa Sierra, sempre pronto a dare la sua zampata felina non appena la marcatura glielo consente. Albanese riporta la Castellano Udas coi piedi per terra con un paio di belle realizzazione prima della terza sirena. Gli ultimi dieci giri di orologio iniziano con i biancazzurri, già sul più 7, decisi a chiudere la pratica senza batticuore. E così è. La stanchezza rende la difesa barese un po’ meno intensa, e Checco D’Arrissi ne approfitta per rimpinguare il suo bottino personale dopo una serie di eccellenti giocate veloci con il fratello Vincenzo. Serazzi ritrova la via del canestro, anche a cronometro fermo, e la difesa stringe le maglie senza grande esitazione. In tal modo il margine sale fino al più sedici di metà quarto, quando i baresi ormai capiscono di non aver benzina sufficiente a tentare ancora il rientro. Di questo si accorge anche il pubblico che con un paio di minuti di anticipo inizia i festeggiamenti per il raggiungimento di quella che, ora sì, senza più scaramanzie, è la sospirata promozione diretta nella Divisione Nazionale di serie C, traguardo storico mai raggiunto da una formazione cerignolana. Con Sierra osannato dai cinquecento e passa spettatori mentre taglia la fatidica ‘retina’ (la seconda con la maglia dell’Udas, dopo l’ormai storico traguardo della serie C2 conquistato a Bari il 24 maggio 2012), si aprono per gli udassini i meritati festeggiamenti che andranno avanti fino a notte fonda per le vie della città.

    TABELLINI

    1° quarto 23-10; 2° quarto 9-20; 3° quarto 20-15; 4° quarto 23-15.

    Realizzatori

    Castellano Udas: Sierra 21, F. D’Arrissi 18, Jonikas 14, Serazzi 5, Liguori e Amoruso 2, V. D’Arrissi 13.

    Adria Bari: Albanese, Koprivica e Maietta 12, Ambruoso 10, Carulli 6, Scavo e Angelilli 4.

    Nessun atleta out per falli.

    Arbitri: Sigg. Franco Lastella di Mola di Bari (BA) e Andrea Balice di Molfetta (BA).

    Ultimora

    Olio e contraffazioni, Sicolo: “Il sistema dei controlli un fiore all’occhiello”

    “L’operazione dei Carabinieri contro il falso extravergine e l’olio colorato con la clorofilla è...

    Cerignola, le importanti novità su raccolta e smaltimento dei rifiuti con Teknoservice

    Con l’aggiudicazione definitiva della gara d’appalto per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti...

    Cibo e abbronzatura: quali sono i cibi per una pelle abbronzata uniforme e intensa?

    L’estate è arrivata e come ogni anno, insieme a lei, la corsa all’abbronzatura perfetta,...

    Beach Soccer Tour a Cerignola, presentato il programma degli eventi

    È stato presentato oggi il ricco programma di eventi che accompagneranno i cerignolani durante...

    Cerignola, la Polizia ha eseguito altri quattro arresti per le rapine ai bancomat

    La Polizia di Stato ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti...

    Cerignola, un “World Cafè” per parlare di violenza sulle donne: quando il nemico è a casa

    Si svolgerà venerdì 12 luglio 2024 alle ore 18.00, a Cerignola presso Caffè Roosevelt (Viale...

    Altro su lanotiziaweb.it

    Olio e contraffazioni, Sicolo: “Il sistema dei controlli un fiore all’occhiello”

    “L’operazione dei Carabinieri contro il falso extravergine e l’olio colorato con la clorofilla è...

    Cerignola, le importanti novità su raccolta e smaltimento dei rifiuti con Teknoservice

    Con l’aggiudicazione definitiva della gara d’appalto per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti...

    Cibo e abbronzatura: quali sono i cibi per una pelle abbronzata uniforme e intensa?

    L’estate è arrivata e come ogni anno, insieme a lei, la corsa all’abbronzatura perfetta,...