More

    HomeNotizieCronacaCerignola, 2 arresti per rapina, resistenza e oltraggio a P.U. | Foto

    Cerignola, 2 arresti per rapina, resistenza e oltraggio a P.U. | Foto

    Pubblicato il

    Nella tarda mattinata di ieri, 29/01/2014, gli uomini del Commissariato di Polizia di Cerignola, diretti dal Vice Questore Aggiunto D.ssa Loreta COLASUONNO, hanno arrestato, in flagranza di reato, POMOVSKI Arkadius, classe 84’, cittadino Polacco, per il reato di rapina impropria. Intorno alle ore 12:00, perveniva, alla sala operativa di questo Commissariato, richiesta di aiuto, da parte di alcuni dipendenti del supermercato “MD Discount”, sito in Via Padula, a Cerignola, in quanto due cittadini stranieri erano stati sorpresi mentre cercavano di asportare diverse bottiglie di superalcolici. Gli stessi, dopo essere stati scoperti, cercavano di guadagnare la fuga, ma venivano trattenuti, con non poca fatica, dai dipendenti dello stesso supermercato. Infatti, dopo qualche minuto, i due individui, riuscivano a spintonare gli uomini intervenuti, riuscendo a guadagnare la fuga. Giunti però all’esterno del supermercato, venivano sorpresi dalla Volante della Polizia di Stato, i quali operatori, riuscivano a bloccarli, dopo un breve inseguimento appiedato. Uno dei due individui, il POMOVSKI per l’appunto, aveva nascosto negli indumenti parte della refurtiva, che veniva riconsegnata al titolare del supermercato. POMOVSKI Arkadius veniva dichiarato in stato d’arresto per rapina impropria e associato presso la casa circondariale di Foggia a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

    La sera del 28 gennaio scorso, invece, intorno alle ore 18:30, si presentava, presso gli uffici di questo Commissariato di Polizia, ANTONACCI Giuseppe, classe 74’, persona nota agli uffici di polizia, il quale, rivolgendosi al piantone in quel momento in servizio, pretendeva di parlare con il dirigente del Commissariato. Il poliziotto informava l’ANTONACCI dell’assenza del Dirigente e questi, in tutta risposta, cominciava ad inveirgli contro, minacciandolo e ingaggiando con lo stesso una violenta colluttazione, interrotta solo grazie all’intervento di altri poliziotti, richiamati dalle urla provenienti dal corpo di guardia di questo commissariato. L’agente veniva accompagnato presso il locale pronto Soccorso, dove veniva medicato e giudicato guaribile in giorni 3. Per l’ANTONACCI, l’Autorità Giudiziaria disponeva gli arresti domiciliari e, pertanto, veniva accompagnato presso il proprio domicilio. In data odierna gli agenti si recavano presso il domicilio dell’arrestato in quanto dovevano accompagnarlo presso il Tribunale di Foggia per essere giudicato con rito direttissimo, riscontrando, invece, la sua assenza dall’abitazione. Intorno alle ore 10:00, una volante di questo Commissariato, incrociava l’ANTONACCI, mentre passeggiava in Via Ofantina; pertanto, lo stesso veniva bloccato ed accompagnato presso i locali del Commissariato, ove, dopo le formalità di rito, l’Autorità Giudiziaria, disponeva l’accompagnamento presso la Casa Circondariale di Foggia.