More

    HomeEvidenzaCerignola, 5 associazioni in supporto alle forze dell'ordine nelle ore di punta

    Cerignola, 5 associazioni in supporto alle forze dell’ordine nelle ore di punta

    Pubblicato il

    Per un mese e mezzo, dal primo dicembre al 15 gennaio 2015, cinque associazioni di volontariato coadiuveranno le forze dell’ordine nel controllo e presidio del territorio. La Giunta comunale, riunitasi stamane, ha ratificato l’accordo di collaborazione raggiunto nei giorni scorsi dall’assessore alla Sicurezza, Maria Carmela Lapiccirella, e dal Comandante della Polizia Municipale, Giuseppe Mandrone, con l’Associazione Nazionale Polizia di Stato, l’Associazione Nazionale Carabinieri, l’Associazione Volontari Protezione Civile, l’Associazione Guardie Nazionali Ambientali e Anpana. Queste hanno offerto la disponibilità di alcune unità, da impiegare nelle fasce orarie giornaliere 10/13 e 18/21. I volontari saranno presenti nelle strade e piazze principali della città oltre che nella Villa Comunale, muovendosi in stretta correlazione con la Polizia Municipale e facendo uso, ognuno per l’associazione di appartenenza, della propria uniforme o casacca. <<L’obiettivo – dice l’assessore competente Lapiccirella – è fare in modo che la loro attività di vigilanza funga da deterrente contro reati predatori, atti di vandalismo e comportamenti incivili. Si tratta, insomma, di un supporto al lavoro delle forze dell’ordine in un periodo, quale quello delle feste natalizie, che nel nostro territorio è tradizionalmente contrassegnato da una recrudescenza della criminalità. Ringrazio di cuore, per la disponibilità dimostrata fin da subito, le associazioni che hanno aderito all’iniziativa, comprendendo bene le difficoltà che le forze di Polizia incontrano ogni giorno nel garantire la sicurezza dei cittadini cerignolani, causate dall’ormai cronica esiguità degli organici. La speranza è che questa collaborazione possa rivelarsi efficace così da proseguire in futuro>>. Un accordo, quello in questione, peraltro inquadrato nell’ambito del Patto per la Sicurezza dell’Area del Basso Tavoliere, che prevede appunto, anche, il potenziamento dei servizi di vigilanza dei giardini pubblici e di contrasto al degrado urbano da parte della Polizia Municipale. A fronte dei servizi resi, verrà riconosciuto in favore di ogni associazione, a seconda delle unità impiegate, un corrispettivo massimo di 1000 euro.