More

    HomeNotizieCronacaCerignola, Colasuonno: "Azioni coordinate per il controllo del territorio"

    Cerignola, Colasuonno: “Azioni coordinate per il controllo del territorio”

    Pubblicato il

    Una Cerignola quasi blindata è ciò che si è presentato agli occhi dei cittadini questo pomeriggio e che sta proseguendo in queste ore. Si tratta di una azione coordinata tra reparti di Polizia con posti di blocco e controlli nelle zone a più alta densità di spaccio, così come conferma in esclusiva per lanotiziaweb la dott.ssa Loreta Colasuonno, Dirigente del Commissariato di Pubblica Sicurezza in Cerignola: «Si tratta di un’azione combinata e coordinata tra più reparti, con nove pattuglie del Reparto Anticrimine di Bari, quattro della Polizia Municipale, un’unità Cinofila e tre pattuglie del nostro commissariato e della stradale – afferma la Dirigente -; è un nuovo sistema che mira, in accordo coi colleghi, a preservare il territorio. Dai primi aggiornamenti mi informano di oltre un centinaio di controlli, tra centri ricreativi e zone dedite allo spaccio giovanile. Sarà questa una nuova modalità che sicuramente riproporremo – conclude la Colasuonno -, compatibilmente con le disponibilità umane che abbiamo, e che mira a una maggior copertura del territorio con l’obiettivo di migliorare la sicurezza cittadina».

    Il tutto giunge proprio nella settimana che ha visto il primo incontro informativo tra l’Assessore Regionale Elena Gentile e il Viceministro dell’Interno Filippo Bubbico, ieri in tarda mattinata, e che non sembra essersi esaurito qui, visto che vi sarà un nuovo incontro per definire eventuali azioni. Loreta Colasuonno però, alla domanda se tutto questo dispiegamento di forze avesse un qualche legame con l’azione promossa dalla responsabile alla Sanità pugliese precisa seccamente: «Si tratta soltanto di una semplice coincidenza e, anzi, esprimo la mia delusione per non essere stata contattata da nessuno in merito a questa azione di dialogo con il Ministero che reputo una scelta importante ma che, sicuramente, se condotta in modo coordinato e collaborativo fra chi ha le competenze politiche e chi, come noi, conosce praticamente le criticità e i bisogni, potrebbe davvero produrre effetti positivi per la città».

    10 COMMENTS

    1. Grazie dottoressa…..!!Continui cosi…e la cittadinanza, gli onesti cittadini, ve ne saranno grati! solo voi, potete aiutare questa città allo sbando…