More

    HomeEvidenzaCerignola, Romano scrive a Monsignor Ladogana

    Cerignola, Romano scrive a Monsignor Ladogana

    Pubblicato il

    L’assessore ai Servizi Sociali, Michele Romano, scrive una lettera aperta a Monsignor Carmine Ladogana ad una settimana di distanza dalla vicenda che li ha visti protagonisti. <<Caro don Carmine, ho avuto l’opportunità di conoscere il messaggio della Madonna di Medjugorje del 2 luglio scorso: “Cari figli, offrite ai vostri pastori la gioia dell’amore e del vostro sostegno, così come il mio figlio ha chiesto loro di offrirlo a voi”.  Questo messaggio mi è stato particolarmente utile per ripensare a quanto accaduto la sera del 25 gennaio, quando, a quella che ho considerato una grave provocazione verbale da parte tua, ho risposto con l’impulso del ragazzino di quartiere. Mi rendo conto che la mia reazione avrebbe dovuto essere diversa, in considerazione dei ruoli rivestiti da entrambi. Perciò ritengo che sia il Vescovo che il Sindaco e l’Amministrazione Comunale, alla quale mi onoro di appartenere, non meritino questo disagio. Per questo chiedo scusa alla città intera e particolarmente ai giovani, che, nella loro sensibilità e fragilità, sono i più a rischio di pericolose emulazioni. Il mio personale rammarico è di essere stato condannato da chi, probabilmente, non conosce l’intera vicenda. Spero di non essere ritenuto né vittima né carnefice e né che si pensi che stia barattando la mia dignità personale per una poltrona assessorile. Non è la prima volta, caro don Carmine, che uomini credenti e non, laici o religiosi, dopo aver sbagliato, si siano ravveduti. Per noi credenti vi è una ragione in più per ritrovare il giusto equilibrio tra valori condivisi e convinzioni personali. Ti esorto dunque ad allontanare dalle nostre persone i riflettori della mondanità mediatica e ad impegnarci entrambi, in questo momento di difficoltà personale ed istituzionale, per un riscatto anche collettivo per la nostra comunità. E se i lavori alla Cattedrale ci hanno fatto litigare e hanno coinvolto altre personalità, spero che una stretta di mano possa aiutarci a ricreare un sereno rapporto-confronto tra uomini di pace chiamati ogni giorno all’impegno per la pace degli altri, nel rispetto delle nostre eventuali diversità di opinione su singoli temi. E’ possibile scrivere questa nuova pagina solo attraverso un gesto di coraggio ed umiltà. Ti rinnovo con sincerità la mia stima>>.