More

    HomeNotizieCronacaCerignola-San Ferdinando, sfruttamento lavoro: 5 arresti e 2 denunce | Foto

    Cerignola-San Ferdinando, sfruttamento lavoro: 5 arresti e 2 denunce | Foto

    Pubblicato il

    Nella giornata odierna, personale del Servizio Centrale Operativo, della Squadra Mobile di Foggia e del Commissariato di P.S. di Cerignola, coadiuvato dal Reparto Prevenzione Crimine, ha eseguito un controllo all’interno di un’area privata, sita tra i Comuni di Cerignola e di San Ferdinando di Puglia, al fine di accertare lo sfruttamento di lavoratori irregolari. L’attività è stata svolta anche con il concorso della Direzione Provinciale del Lavoro di Foggia e della A.S.L. competente. All’interno di un autoparco situato in c.da Valle di Riso, più precisamente in un capannone fatiscente, sono stati effettivamente trovati 54 cittadini comunitari di nazionalità Bulgara e Rumena intenti alla lavorazione di carciofi, destinati alla successiva trasformazione. Alcuni di questi operai avevano tra le braccia dei bambini e le attività lavorative si svolgevano in un ambiente malsano e in condizioni igieniche pessime (in aperto contrasto con ogni regolamento igienico-sanitario). Nessuno dei lavoratori era in regola con le disposizioni in materia. Al termine degli accertamenti di rito, FRANCO Giuseppe, Nato a Trinitapoli il 20.09.1957, NAPOLITANO Pasquale, Nato a Trinitapoli il 21.11.1969, NENOV Neno Ivanov, Nato in Bulgaria il 15.12.1982, MINCHEV Trifon Angelov, Nato in Bulgaria il 25.04.1966 e ASENOV Ivan Mitrov, Nato in Bulgaria il 30.4.1992 sono stati tratti in arresto per associazione per delinquere finalizzata all’intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. Altri due soggetti, VRABIE Mihai, Nato in Romania il 5.4.1977 e ALEKSIEV Alesksi, Nato in Bulgaria l’11.07.1984 sono stati denunciati in stato di libertà per i medesimi delitti mentre PASQUA Grazia, Nata a Francavilla Fontana (BR) il 12.05.1954 è stata denunciata per favoreggiamento.

    Questo slideshow richiede JavaScript.

    La ricostruzione dei fatti ha consentito di accertare che gli operai, che si recavano al lavoro in quel capannone da oltre cinque giorni, erano caricati a bordo di quattro veicoli (di cui un furgone) e trasportati sul luogo di lavoro ove prestavano attività lavorativa per oltre dodici ore al giorno, con un compenso giornaliero massimo di circa 15 Euro (pari a 1,5 centesimi per ogni carciofo defoliato). L’area e i veicoli sono stati sequestrati.