More

    HomeEvidenzaDestra e sinistra verso le primarie tra incertezze e sorprese

    Destra e sinistra verso le primarie tra incertezze e sorprese

    Pubblicato il

    Oltre la certa candidatura a Sindaco di Franco Metta per il Movimento Politico La Cicogna & Co., i due maggiori comparti politici, centrodestra e centrosinistra, sono alle prese con un’accesa quanto silenziosa discussione interna. Discussione alla quale assistono con distacco i “partiti” di centro, in virtù di una possibile scelta che al momento li vede più vicini al partito di Renzi. Ma se in via Mameli «le primarie sono strumento democratico condiviso», tra gli ex-Pdl esiste ancora uno zoccolo duro che le primarie, probabilmente per paura di lasciare troppi feriti sul campo, non le vuole.

    In casa Pd, i nomi già circolati di Michele Longo, oggi capogruppo in consiglio comunale, e di Carmine Roselli, attualmente in segreteria cittadina, probabilmente non potrebbero restare i soli. In molti parlano di una possibile candidatura di Silvana Ladogana, ex-segretario Pd, che non ha però mai esternato tale possibilità in maniera esplicita. Circolano anche altri nomi, tutti appartenenti alla segreteria cittadina, tutti, a loro dire, non interessati. Tra gli ex-Pdl crescono invece le adesioni al progetto “primarie” lanciato da Michele Allamprese e Domenico Carbone.

    ruocco-150x150A mostrarsi in sintonia è da subito il consigliere regionale Roberto Ruocco. «Nell’ormai lontano 2008 ebbi a chiedere, solo solo, le primarie nel centrodestra. Fui trattato, nel migliore dei casi, dai dirigenti (si fa per dire!) del mio partito (accoliti compresi) come Uno un po’ strano. Acqua passata! Ora ne parlano tutti e la cosa non può che farmi piacere – commenta Ruocco sulla pagina social Primarie Centrodestra Cerignola -, anche se si sono persi, inutilmente, ben sei anni. Però, allora ed oggi, penso che le primarie, per avere un senso, devono essere vere, aperte, ad armi pari e partecipate. E soprattutto vanno indette per tempo, in modo da dare ai non organici ai partiti il tempo necessario per proporsi e farsi conoscere». Anche se i nomi più gettonati sono interni ed organici ai partiti. Tra questi il capogruppo Paolo Vitullo, il consigliere Gianvito Casarella, l’attuale Sindaco Antonio Giannatempo, in pole su tutti in caso di candidatura, e il consigliere Michele Allamprese. In casa Udc intanto si valuta bene da che parte stare. Qualcuno giura, «sicuramente non con i movimenti civici», anche se in politica, si sa, le cose cambiano molto velocemente. Mentre centrodestra e centrosinistra iniziano a dare “l’ultimatum” agli uomini dello scudo crociato. L’attendismo, questa volta, potrebbe risultare deleterio per tutti.

    17 COMMENTS

    1. Sarebbe veramente bello se nella Grande Coalizione del Cambiamento entrassero anche il Pd, il Pdl e l’Udc…….tutti i partiti di Cerignola che appoggiano un’unica candidatura a Sindaco ……..il grande Avvocato Franco Metta.

      • Concordo, anche perché sarebbe un bell’esempio per tutti. Convergere tutte le preferenze di movimenti, partiti etc., su un solo uomo, lui, il grande, grandissimo Avvocato Franco Metta.
        Qualcuno potrebbe chiedersi, come fa quest’uomo che sembra appartenere al mondo dei terrestri ma non è così, ad essere tanto carismatico?
        Presto detto!
        E’ bello, giovane, politicamente preparato, simpatico (provate a farvi raccontare barzellette, vedrete, vi scompisciate dalle risate – P.S. guardatevi le trasmissioni di TRC), onesto intellettualmente, scusate mi fermo perché potrebbe sembrare che stia tessendo le lodi del personaggio Metta, ma è tutta verità.
        In definitiva dovete obbligatoriamente votare Metta Sindaco, a questo punto mi chiedo, come si può non credere in lui ?

        • Non bisogna fare sarcasmo ed ironia, bisogna prendere atto che le amministrazioni di destra e di sinistra degli ultimi 20 anni hanno saccheggiato Cerignola.
          Almeno per 5 anni tutti i cittadini devono pensare alla loro citta e non ai loro interessi personali.
          Se non la salva l’avvocato Metta, Cerignola muore definitivamente.

          • E chi fa sarcasmo ed ironia. Io in quest’uomo acculturato, ci credo e penso che può salvare veramente Cerignola dai saccheggiatori, perché lui non è abituato a saccheggiare come tutto il resto del mondo. Solo quante belle parole e bei propositi partorisce il suo cervello onnisciente e onnipotente. Veramente lo vogliamo paragonare a tutti gli alti ?
            Metta ci ha conquistati non per la sua bellissima espressione intelligente, ma per ciò che dice di intelligente, molto avanti rispetto, non all’attuale Sindaco, ma rispetto a tutti i Sindaci del mondo. Viva Metta e Viva l’Italia.

    2. Vorrei ricordare all’articolista che a Cerignola esiste una nuova realtà politica, ormai da mesi, ossia l’associazione politica “Cerignola adesso” a sostegno della candidatura a sindaco dell’avv. Francesco disanto. Tutti lo sanno bene…per questo non riesco a capire il perché di queste continue omissioni. Gradirei una spiegazione. Anche se so bene che non arriverà! Noi non ci arrendiamo. Forza avvocato di santo. Siamo tutti con te.

        • Non sono l’avv. Disanto, ma un membro del suo gruppo. Ognuno ripone la propria fiducia in qualcuno per il bene della nostra città, io ho scelto lui. Non giudico gli altri, ma non mi sembra corretto il modo di fare informazione, omettendo di menzionare chi, con coraggio, ha scelto di fare qualcosa di nuovo per la politica a Cerignola. Condivido il suo progetto e non i ripetitivi come te!

    3. Intanto debbo dire, che io sono un convinto sostenitore della pericolosità delle primarie per
      ragioni già espresse in altre occasioni e che ritengo inopportuno in tale
      circostanza ribadirle.

      Premessa a parte. Per quanto concerne il PD locale, non credo sia facile fare un pronostico su chi
      possa essere il candidato sindaco alle prossime elezioni amministrative. Questo perché , proprio “grazie” alle
      primarie nazionali, si sono formate tre
      fazioni all’interno del medesimo Partito che fanno capo a Renzi, Civati,
      Cuperlo. Esse, in realtà, rappresentando
      tre correnti interne , senza ombra di
      dubbio, se le danno di santa ragione d’ora in avanti per accaparrarsi il leader
      candidato.

      Ora, spunta come fungo il nome di Silvana Ladogana, la quale sembrava
      essersi eclissata dopo aver ceduto lo scettro di segretaria del Partito. Quante possibilità ella abbia di farcela
      , è difficile dirlo. Però, se la medesima sia rimasta ancora la pupilla
      dell’euro-parlamentare Elena Gentile, saranno cavoli amari per Michele Longo e
      Carmine Roselli.

      Per quanto riguarda Forza Italia,invece, non ci sarà storia. Antonio Giannatempo non ha concorrenti che lo
      possano impensierire più di tanto. Ci
      sarà la solita scaramuccia tra i soliti contestatori addomesticabili che, poi, alla fine, metteranno la coda tra le gambe come cani
      impauriti a seguito di ordini che
      giungeranno dall’alto della gerarchia di Partito.

      L’UDC. Che brutta
      fine! La volta scorsa non essendosi
      presentato con il proprio candidato sindaco determinò la “fortuna” dell’attuale
      Sindaco Antonio Giannatempo. Tutti
      sappiamo come è andata la storia: terminò, soffiando il ballottaggio a Franco Metta. Questa volta invece l’ UDC si presenta lacerato da divisioni interne.
      Tanto che una parte appoggerà Metta tramite un lista cattolica, e l’altra o le altre parti vagheranno tra le solite stanze in cerca di un
      “padrone”a cui affidarsi per sopravvivere.

      E la telenovela, certamente non finisce qui.

      7-7-2014

    4. Ma è vero che il leader della Cicogna è stao ultimamente condannato penalmente?

    Comments are closed.

    Ultimora

    Pallavolo Cerignola, stabilite le avversarie nel girone I di serie B2

    Nella giornata di ieri, la Fipav ha reso nota la composizione dei gironi dei...

    L’Audace Cerignola ringrazia e saluta Malcore e D’Andrea

    Tramite una breve nota pubblicata sui propri canali social, l'Audace Cerignola ha ringraziato Giancarlo...

    Autonomia differenziata, da cinque Regioni può partire l’iter per chiedere il referendum

    Con il via libera della Puglia prende forma il quadro dei cinque consigli regionali...

    Provincia di Foggia: assegnate risorse per il progetto “Capitanata in transizione”

    A quasi 10 milioni di euro ammonta l'assegnazione di risorse finanziarie, sancita dal Decreto...

    Un tassello per la porta dell’Audace Cerignola, preso Stefano Greco

    La S.S. Audace Cerignola S.r.l. comunica di aver acquisito le prestazioni del calciatore Stefano...

    La nuova coppia d’attacco gialloblù è fatta: anche Gagliano firma con il Cerignola

    La S.S. Audace Cerignola s.r.l. comunica di aver acquisito dal Calcio Padova le prestazioni...

    Altro su lanotiziaweb.it

    Pallavolo Cerignola, stabilite le avversarie nel girone I di serie B2

    Nella giornata di ieri, la Fipav ha reso nota la composizione dei gironi dei...

    L’Audace Cerignola ringrazia e saluta Malcore e D’Andrea

    Tramite una breve nota pubblicata sui propri canali social, l'Audace Cerignola ha ringraziato Giancarlo...

    Autonomia differenziata, da cinque Regioni può partire l’iter per chiedere il referendum

    Con il via libera della Puglia prende forma il quadro dei cinque consigli regionali...