More

    HomeEvidenzaPece, "Operatori turistici esasperati da continui controlli"

    Pece, “Operatori turistici esasperati da continui controlli”

    Pubblicato il

    Su tutto il territorio pugliese, ma soprattutto sul litorale sud di Manfredonia è iniziata la stagione turistica ed anche i rituali controlli da parte di Capitaneria di Porto, Comune, Asl, Ispettorato del Lavoro, Agenzia delle Entrate, Finanza e Siae. Così ci risponde la gestione del Beach Club Ippocampo: “E’ impossibile sopportare questi continui controlli da parte dello Stato. Dalle nostre parti la stagione è purtroppo più breve che altrove, ma noi paghiamo le tasse ed lo stesso fitto del Demanio così come gli operatori salentini o di Forte dei Marmi. Ma loro riescono ad ammortizzare i costi con una stagione molto più lunga. Il problema vero adesso sono i continui controlli degli ultimi anni. E’ esasperante. Domenica 29, per esempio, è venuto un presunto ispettore della Siae. E’ arrivato in reception ha detto che era della Siae ed ha cominciato a verbalizzare. Secondo lui da un piccolo megafono c’era la radio in spiaggia. Eravamo in torto. Multa. Neanche si è presentato come pubblico ufficiale e, quindi, tesserino di riconoscimento e nome e cognome. Niente. Non ce la facciamo più. E siamo ancora a fine giugno…”. Un altro operatore, che vuole rimanere anonimo per paura di ripercussioni burocratiche conferma che non se ne può più: “E’ indescrivibile lo sforzo che un imprenditore deve fare oggi per non affondare con la sua azienda. Eppure siamo noi piccole realtà che manteniamo in piedi l’Italia”.

    12 COMMENTS

    1. Ma non è mica giusto che in due mesi voi operatori volete guadagnare per un anno, domenica ad esempio due lettini e un ombrellone 20€, e per farmi fare uno scontrino ho dovuto pure litigare con il gestore. I controlli per me servono.

    2. Egregio Signor Pece,lei si permette il lusso di gridare “esasperazione” per i continui controlli!ma vogliamo anche parlare dei suoi prezzi esasperanti?Nessuna vieta noi bagnanti di cambiare Lido se non troviamo prezzi convenienti/popolari ma dover pagare una birra piccola in bottiglia 5 euro ed una pizza margherita 6 euro e’ anche esasperante!
      non siamo mica a FORTE DEI MARMI…..

      • ETO’O…Ciao, cosa cambia ippocampo da Forte dei Marmi?
        Dovrebbero pagarci la presenza delle zanzare….ahahahahahahahaha

        • Fate come me, al mare pagate solo l’ombrellone il resto lo portate da casa…sono andato ieri al mare la birra da 0,33 la davano a € 1.50 con il trancio di pizza…evidentemente si sono resi conto.
          In più hanno offerto sangria e frutta a tutti…
          A Ippocampo invece si paga la zanzara…ahahahahaha

    3. sig. Pece, io da dipendente ogni volta che ricevo la busta paga lascio il 43% allo Stato senza possibilità di lamentarmi! quindi di cosa parla?

      • Sig.Mario,
        Faresti bene a licenziarti ed intraprendere un’attivita’ imprenditoriale, cosi’ almeno ti accorgi di quanto sei privilegiato dallo Stato …
        Non te lo ha detto il medico di rimanere alle dipendenze del tuo titolare……stai tranquillo che nessuno ti rincorrera’ se te ne vai……
        Coraggio, fai vedere a te stesso quanto vali……

    4. il “da noi la stagione dura meno” è un discorso ottuso, se la gente ci va poco in certi posti la colpa non è del “sistema” ma della evidente carenza di servizi da parte dei gestori che, se tanto hanno a cuore i loro interessi, farebbero bene ad evolvere situazioni ferme a 30 o più anni fa, il Salento che qui viene citato non si trova ai tropici quindi non credo sia una questione di clima se lì la “stagione dura di più” sono state fatte scelte, dai privati imprenditori del settore, mirate ad aumentare la visibilità e l’appeal di luoghi e strutture. Proprio il Salento pochi anni fa era una perla la cui bellezza in pochi conoscevano, ora viene paragonata a forte dei marmi… chissà perchè. Se volete guadagnare di più non inveite contro chi evita di farlo a spese dei contribuenti, cercate di smuovere un po’ le stagnanti acque delle vostre attività, specialmente in un periodo di crisi è l’ingengo unitamente alla capacità di evoluzione ed adattamento che permette di emergere (o sopravvivere).

      • In questi luoghi vengono smossi soltanto i menù e i listini prezzi… E niente più.
        I prezzi sono gli stessi del Salento e Forte dei Marmi, i servizi offerti sono a dir poco indecenti. Sono d’accordissimo con Lei.

    5. Signori, l’imprenditore di cui sopra, è un avvocato. Ditemi voi. Alla faccia della legalità.

    Comments are closed.

    Ultimora

    Procuratore Bari, «Puglia nuova terra dei fuochi»

    «Parlare della Puglia come di nuova terra dei fuochi è un dato di realtà,...

    Questione ruolo Savino Bonito, Metta si rivolge al Prefetto e al Garante della Protezione Dati

    Secondo dichiarazioni rilasciate negli ultimi giorni da un consigliere comunale di maggioranza e trapelate...

    L’importanza del filtro dell’olio: quando sostituirlo?

    Come riconoscere le problematiche legate al filtro dell’olio? È una delle componenti più importanti...

    I bookmaker non AAMS e la legge italiana: cosa bisogna sapere

    Immergersi nel vasto e complesso universo del gambling online è un'avventura che richiede non...

    Audace Cerignola, indetta la “giornata gialloblù” in occasione del match con l’Avellino

    L’Audace Cerignola si tuffa nel rush finale della stagione regolare, per cercare di ottenere...

    “Pietra di Scarto” presenta “Sfruttamento e Caporalato in Italia” a cura di Marco Omizzolo

    Si svolgerà venerdì 1° Marzo a partire dalle ore 18.30 presso Palazzo Fornari a...

    Altro su lanotiziaweb.it

    Procuratore Bari, «Puglia nuova terra dei fuochi»

    «Parlare della Puglia come di nuova terra dei fuochi è un dato di realtà,...

    Questione ruolo Savino Bonito, Metta si rivolge al Prefetto e al Garante della Protezione Dati

    Secondo dichiarazioni rilasciate negli ultimi giorni da un consigliere comunale di maggioranza e trapelate...

    L’importanza del filtro dell’olio: quando sostituirlo?

    Come riconoscere le problematiche legate al filtro dell’olio? È una delle componenti più importanti...