More

    HomeEditorialeVorremmo che il 2014 fosse...

    Vorremmo che il 2014 fosse…

    Pubblicato il

    Quando un nuovo anno inizia ognuno prova a far le proprie considerazioni, ad auspicare che, a sperare, a dimenticare il peggio dell’anno precedente. C’è poi chi fa bilanci e chi invece preferisce non farli. A noi piace conservare il passato in un armadio facilmente accessibile e costruire con impegno e sacrificio giorno dopo giorno il presente. Con questa idea abbiamo costruito un 2013 (per noi) memorabile, oltre ogni aspettativa. Un anno in cui abbiamo giocato un campionato difficile, pieno di insidie, vinto a centrocampo, rubando palloni su palloni e ripartendo, quasi sempre centrando la rete. Dalla nostra il gioco di squadra, l’impegno e diversi lanci da quaranta metri messi in rete: gesti che hanno fatto la differenza. Se in tutto questo c’è un segreto è di certo la voglia di migliorarsi. Sempre. Più di 3 milioni di pagine viste nell’anno con oltre 400mila visitatori unici transitati sul sito. Un quotidiano supporto che ci ha permesso una crescita rispetto al 2012 di oltre il 250%. 1741 notizie pubblicate nel solo 2013, più di 3300 commenti postati, oltre 800mila condivisioni sui social network (dati certificati da GOOGLE Analytics).

    E nel 2014 il cammino sarà ancora più ripido e richiederà ancora più sforzi. La famiglia de lanotiziaweb.it sta crescendo (4 nuovi collaboratori nel secondo semestre 2013) e continuerà a crescere giorno dopo giorno. Tuttavia vorremmo che qualcosa cambiasse, che migliorasse, che evolvesse. Per lanotiziaweb.it e per Cerignola. Vorremmo che il 2014 fosse l’anno in cui i nostri lettori, sempre più affezionati, contribuissero ancor più (anche con critiche) al miglioramento del pubblico servizio che è lanotiziaweb.it. Vorremmo che il 2014 fosse l’anno dell’innovazione; noi abbiamo in serbo una decina di novità che una alla volta conoscerete nell’arco di tutto l’anno. Vorremmo che il 2014 fosse per lanotiziaweb.it migliore del 2013: questo basterebbe. Vorremmo che il 2014 fosse l’anno in cui Cerignola abbandoni definitivamente l’arte del pettegolezzo per provare a costruire progetti di sviluppo in ogni settore. Vorremmo che il 2014 fosse l’anno in cui ripartire in ambiti strategici come la pubblica amministrazione, l’internazionalizzazione dei prodotti, le start-up giovanili. Vorremmo che il 2014 fosse l’anno in cui il rispetto reciproco per i ruoli avesse la meglio sulle beghe di quartiere che animano spesso i dibattiti a mezzo stampa.

    E in ultimo…vorremmo che il 2014 fosse l’anno in cui Cerignola non fosse costretta a rivedere certe immagini da 2013. Famiglie senza casa che dormono in auto, decine di nuclei familiari a reddito zero, rapine in successione ai danni di imprenditori e attività commerciali, microcriminalità e spaccio, fenomeni di stalking, furti e “violenza” sull’ambiente. Questo basterebbe a Cerignola.

    3 COMMENTS