pub_728_90
Sportweb

Metta “usa” una commissione (mai tenutasi) per saltare un’udienza

i più letti

Omicidio-suicidio a Cerignola, “I disagi non devono mai vivere nel silenzio, vanno sempre denunciati”

Il Presidente dell’Ordine degli Psicologi della regione Puglia, Antonio Di Gioia, interviene sulla tragedia che ha coinvolto due donne...

Protesta e sciopero della fame. I dipendenti del “verde” rivogliono il proprio lavoro

Sciopero della fame ad oltranza per i dipendenti del comparto verde pubblico. Questa la decisione presa dai lavoratori della...

Premio Zingarelli, il bando della dodicesima edizione

La data di scadenza del bando prevista il 29 febbraio 2020 dà a tutti la possibilità di partecipare al...
Vito Balzano
Caporedattore, giornalista. Laureato in Scienze della Comunicazione Sociale, Istituzionale e Politica. Dottore di Ricerca in Dinamiche Formative ed Educazione alla Politica.

Una notizia che rischia di compromettere l’immagine di “paladino del giusto” del candidato Sindaco de La Cicogna, Franco Metta, a pochi giorni dal voto. Da uno scambio di richieste e risposte tra la Presidenza del Consiglio del Comune di Cerignola, e l’Ordine degli Avvocati di Foggia, infatti, è venuta a galla una vicenda, curata dal quotidiano foggiano l’Attacco, che ruota intorno alla convocazione di una commissione sicurezza, il lontano 19 novembre del 2010, voluta dal gruppo civico, pare, esclusivamente per giustificare l’assenza del leader cicognino in una udienza della commissione disciplinare dell’Ordine che lo vedeva coinvolto.

I fatti – «In data 16 novembre 2010, il Presidente del Consiglio Comunale mentre era all’interno del Palazzo di Città, precisamente nel suo ufficio, veniva avvicinato dal sig. Luigi Ratclif, consigliere comunale e capogruppo del gruppo consiliare del Movimento Politico la Cicogna», si legge nella ricostruzione dei fatti fornita dagli uffici comunali firmata dall’oggi uscente Sindaco Antonio Giannatempo. Questi, in qualità di rappresentate del gruppo civico «chiedeva al Presidente Curiello di predisporre una comunicazione a sua firma con cui convocava un incontro a Palazzo di Città sul tema sicurezza per il giorno 19 novembre 2010 alle ore 16.00». Inoltre, sempre Ratclif garantiva al Presidente del Consiglio Curiello  «che si sarebbe occupato personalmente nel raccogliere l’adesione degli altri capigruppo e consiglieri tutti». Infatti, tale comunicazione era «rivolta genericamente ai consiglieri comunali senza indicazione di alcun nominativo, non veniva munita di protocollo di alcun tipo, in attesa di farlo appena il consigliere Ratclif comunicava l’adesione dei consiglieri stessi». Non avendo ricevuto alcuna risposta, come conferma nel documento di risposta il dimissionario Primo cittadino, il Presidente Curiello si presentava in data 19 novembre 2010 alla riunione e «constatata l’assenza di tutti i consiglieri, in particolar modo di Ratclif che aveva chiesto tale incontro e del leader Metta, si preoccupava dopo circa un’ora di raggiungere telefonicamente alcuni consiglieri i quali riferivano di non essere stati informati di tale riunione». E ciò che rende la vicenda più chiara, motivando il coinvolgimento dell’Ordine degli Avvocati di Foggia, è contenuto nell’utimo accapo del documento comunale firmato da Giannatempo, il quale cita testualmente: «Lo stesso Presidente mi ha riferito che lunedì 22 novembre 2010 incontrando nel Palazzo di Città lo stesso Ratclif gli chiedeva conto della mancata riunione e questi candidamente gli rispondeva che quel documento serviva semplicemente per fare un favore ad un amico».

Orbene, risulta che in quella data, giorno della riunione mai svoltasi, Franco Metta sarebbe stato sotto udienza della commissione disciplinare dell’Ordine degli avvocati presieduto da Nicola Marino. Il cicognino, quindi, oppose la ragione degli impegni istituzionali come legittimo impedimento alla mancata presentazione all’udienza. Dunque, Metta ha saltato quell’appuntamento adducendo come motivazioni quella riunione mai avvenuta. Per quanto su esposto, e per lo scambio di battute intercorse tra il Comune e l’Ordine foggiano, Giannatempo conclude commentando: «Ritengo sommessamente che il presidente Natale Curiello sia stato oggetto di un comportamento truffaldino da parte del consigliere comunale del Movimento Politico La Cicogna Luigi Ratclif, avendo quest’ultimo posto in essere nei suoi confronti artifici e raggiri in modo da indurlo, con la giustificazione di una riunione sulla sicurezza a predisporre e sottoscrivere un’autoconvocazione per un incontro, che in realtà non ci sarebbe mai stato e la cui utilità, evidentemente, ritengo fosse riferibile direttamente ed esclusivamente all’avv. Franco Metta».

E in mattinata giunge pungente la considerazione di Michele Romano, Assessore uscente della Giunta Giannatempo, il quale su facebook, dopo aver postato le scansioni dei documenti attestanti l’intera vicenda, commenta: «Credo che questi documenti si commentino da soli. Metta si dimostra, ancora una volta, diverso da quello che dice di essere. Truffa le persone, i magistrati e le Istituzioni». E raggiunto telefonicamente da lanotiziaweb.it, rincara la dose precisando: «Se da consigliere fa questo, figuriamoci da primo cittadino. Inoltre, mi riservo di approfondire l’accaduto e molto altro nel mio prossimo comizio alla città, ovvero sabato prossimo».

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Omicidio-suicidio a Cerignola, “I disagi non devono mai vivere nel silenzio, vanno sempre denunciati”

Il Presidente dell’Ordine degli Psicologi della regione Puglia, Antonio Di Gioia, interviene sulla tragedia che ha coinvolto due donne...

Protesta e sciopero della fame. I dipendenti del “verde” rivogliono il proprio lavoro

Sciopero della fame ad oltranza per i dipendenti del comparto verde pubblico. Questa la decisione presa dai lavoratori della Cooperativa "il Giglio", precedentemente "Mondoservice",...

Premio Zingarelli, il bando della dodicesima edizione

La data di scadenza del bando prevista il 29 febbraio 2020 dà a tutti la possibilità di partecipare al Premio Letterario Nazionale “Nicola Zingarelli”...

Omicidio-suicidio in agro di Cerignola. Due morti e una donna ferita

E' accaduto in agro di Cerignola a metà mattinata. Non si è ben compreso dalle prime rilevazioni cosa sia accaduto precisamente. Quel che è...

Picchia la madre mentre è ai domiciliari: torna in carcere un 32enne di Cerignola

Nello scorso fine settimana, gli Agenti del Commissariato di P.S. di Cerignola hanno eseguito l’ordine di sospensione della detenzione domiciliare e ripristino della custodia...