More

    HomeNotizieAttualitàCerignola, ratti sulle auto. Sgarro, "Necessaria un'ordinanza del Sindaco"

    Cerignola, ratti sulle auto. Sgarro, “Necessaria un’ordinanza del Sindaco”

    Pubblicato il

    La questione ratti a Cerignola tiene banco anche a distanza di diverse settimane dai primi e, a detta dell’amministrazione, importanti interventi di derattizzazione di alcune zone centrali della città. Dopo i numerosi avvistamenti di colonie di topi nei pressi dei cassonetti dell’immondizia in differenti rioni, oggi giungono nuovi scatti fotografici che lasciano spazio a poche interpretazioni: un grosso ratto addirittura fermo sul cofano anteriore di un’autovettura. Le foto si riferiscono alla sera dell’1 settembre 2015, nel rione Torricelli, e ritraggono l’animale indisturbato fermo sul cofano di un’auto; i residenti della zona hanno precisato che la presenza dei topi è ormai routine nel quartiere, tanto che giornalmente diversi box situati a piano terra delle palazzine vengono presi d’assalto dai roditori.

    Le foto sono state pubblicate, attraverso il proprio profilo facebook, dal leader del centrosinistra cittadino Tommaso Sgarro, il quale in un post dal titolo “topolandia” esprime, da un punto di vista squisitamente politico, la difficoltà di una situazione che dopo diverse settimane non sembra trovare soluzione, indicandone le responsabilità politiche nella persona dell’Assessore all’Ambiente Antonio Lionetti, e individuando in alcuni plessi di proprietà privata, semi abbandonati, la possibile causa della crescita esponenziale dei ratti: «La situazione è oramai insostenibile. Topi, topi ovunque! Derattizzazioni inutili. Assessore all’ambiente non pervenuto – afferma il segretario cittadino del Pd -. Chiediamo un intervento urgente. È necessaria un’ordinanza del Sindaco ai proprietari dei mulini ex Tamma, ex Desantis, ex Sacco e ai proprietari dei tanti terreni liberi presenti in città che imponga la derattizzazione e la bonifica delle aree. Ogni altro intervento altrimenti sarà inutile! È a rischio la salute cittadina».

    La questione ambiente e pulizia della città è complicata per diversi fattori, molti dei quali non imputabili all’attuale amministrazione; ma è pur vero che oggi, le azioni messe in campo dalla governance cittadine, sembrano non essere sufficienti alla risoluzione, anche parziale, del problema. Ieri l’assessore Lionetti era intervenuto sulla questione, seppur in riferimento al centro cittadino e alla villa comunale, ricordando come «dal 14 settembre inizierà il settimo ciclo di derattizzazione e disinfestazione dell’intera città e delle Borgate limitrofe. In considerazione delle innumerevoli lamentele pervenute da parte dei cittadini, nonostante i sei cicli di derattizzazione e disinfestazione effettuati, e constatato il permanere di scarse condizioni igienico sanitarie, si è invitata la società SIA ad intensificare l’attività di disinfestazione per una azione più efficace».

    Questo slideshow richiede JavaScript.

    8 COMMENTS