More

    HomeNotizieAttualità"Cerignola Rockfestival": buona la prima. Dal social le lamentele dei residenti delle...

    “Cerignola Rockfestival”: buona la prima. Dal social le lamentele dei residenti delle Fornaci

    Pubblicato il

    La prima edizione del Cerignola Rockfestival, evento svoltosi ieri sera presso il piazzale dell’Itis “Righi”, patrocinato dal Comune ofantino, ha richiamato l’attenzione non solo della città ma anche dei paesi limitrofi; davanti al pubblico, abbastanza numeroso, infatti, si sono esibite quattro band rock locali: The Butterfly Effekt, Redja, Off Topic, Viperium ed in ultimo The Strigas. Francesco Carrano, insieme al suo Staff che ha dato vita a questo evento, racconta a lanotiziaweb.it la propria soddisfazione: “Si è trattato di un evento musicale molto bello, in cui si è vista viva la forza di questo genere con le band che hanno partecipato; vogliamo rendere positiva la nostra città anche sotto l’aspetto musicale per farla crescere sempre di più e non essere etichettata solo per fattori negativi. Lo spirito giusto ci sarà anche per la seconda edizione”.

    Parole che aprono scenari positivi, nelle intenzioni, delineando un’idea di una città che vuole risollevarsi culturalmente. Non sono mancate note stonate, come spesso accade in questi eventi, non tanto per gli inconvenienti tecnici figli delle tante band che dovevano esibirsi, ma anche per una parte di malcontento caratterizzato dai residenti del quartiere fornaci, zona adiacente alla location dell’evento. Infatti, in tarda serata, molti cittadini hanno espresso il proprio disappunto, attraverso facebook, per i volumi elevati del live e perché, dopo la mezzanotte, la manifestazione era ancora in pieno svolgimento, nonostante il giorno successivo (oggi per chi legge, ndr.) fosse lavorativo. Nonostante tutto, però, sia da parte degli organizzatori che dei cittadini accorsi all’evento, traspare una certa soddisfazione per la buona riuscita della kermesse musicale.

    10 COMMENTS

    1. “Non sono mancate note stonate” ????
      Prima di poter giudicare si dovrebbero vivere certe situazioni. Se questo evento significa migliorare la città, forse non si è capito nulla. Non ho nulla contro la musica, ma certi eventi vanno organizzati nel rispetto di tutti. Nel rione fornaci è concentrato tutto: scuole, mercato, giostre, ecc… senza mai fornire veri e propri servizi per migliorare la qualità del quartiere. La musica ad alto volume è iniziata con le prove, alle 16.00 circa, per terminare all’ 1.15. Ci vuole molto a comprendere che ci sono famiglie, anziani e bambini che forse vorrebbero vivere serenamente nelle loro case? E poi….Rock ????? Quello era rock??? Urla stonate!!!! Fra un po’ arriveranno le giostre e non si dormirà fino alle tre di notte per almeno tre o quattro giorni. Gli organizzatori hanno pensato che forse ci sono delle persone malate che hanno bisogno di riposare???? E non è stato lo stesso sindaco Metta a voler regolamentare la musica nei vari locali notturni? Ed ora permette questo? Ma spostate tutto nella zona industriale, dove non si dà fastidio a nessuno. Spero che questi eventi non proseguano più. Non è questo il modo!