More

    HomeEvidenzaIstat, in Puglia 33mila occupati in più nel secondo trimestre rispetto al...

    Istat, in Puglia 33mila occupati in più nel secondo trimestre rispetto al 2014

    Pubblicato il

    Buone notizie dal fronte lavoro. Gli occupati in Puglia passano da un milione 157mila del secondo trimestre 2014 a un milione 190mila del secondo trimestre 2015, in aumento di 33mila unità (stesso aumento registrato dal Piemonte): è il migliore risultato in Italia. Il tasso di occupazione nella fascia 15-64 anni passa dal 42,5 del secondo trimestre 2014 al 43,8 del secondo trimestre 2015, mentre il tasso di disoccupazione cala di un punto e passa dal 21,3 al 20,3 per cento. Aumentano anche le forze di lavoro, che passano da un milione 470mila a un milione 493mila. In calo da 312mila a 303mila le persone in cerca di occupazione.

    “Sono dati più che incoraggianti dopo decenni di immobilismo del Paese con gravissimi ripercussioni proprio sui livelli quantitativi e qualitativi occupazionali – afferma il sottosegretario Massimo Cassano – che indicano senza ombra di dubbio come le politiche riformiste del governo stiano rilanciando l’intero sistema economico del Paese, riducendo il precariato e favorendo la ripresa. Uno stimolo ad andare oltre, anche con politiche dedicate al Mezzogiorno, continuando a lavorare per una forma di Stato che deve essere all’opposto di quella voluta da chi ha bloccato l’Italia per anni per continuare a godere di privilegi personali e di casta”. Positivo anche il commento del capogruppo pd in commissione industria al Senato, Salvatore Tomaselli: “I dati Istat su pil e occupazione sono un’ottima conferma della ripartenza dell’Italia e del buon lavoro svolto da governo e parlamento. Si tratta di cifre che fanno ben sperare e che, soprattutto per quanto riguarda il lavoro, restituiscono speranza e prospettive ai cittadini e alle imprese, colpiti negli anni trascorsi da una gravissima crisi. Avanti allora, nell’idea però che siamo ancora all’inizio del percorso che riporterà il Paese a pieno titolo nella corsa alla ricchezza, allo sviluppo e all’innovazione”. (tratto da repubblica/bari.it)