More

    HomeEvidenzaPartono da Cerignola le “nuove economie”. Buona la prima del Festival

    Partono da Cerignola le “nuove economie”. Buona la prima del Festival

    Pubblicato il

    Un seme lanciato a sud, un’iniziativa pensata per tenere insieme le esperienze di innovazione protese verso le nuove economie e le nuove forme lavorative. Location d’eccezione, Palazzo Coccia a Cerignola, all’interno della quale le associazioni ResUrb, Donne in Rete, 8 Marzo e 5RealiSiti hanno dato vita ad una serie di incontri per mettere in rete i saperi. Al centro la green economy, la sharing economic, la bikeconomics, la blue economy, l’agricoltura sociale e il consumo consapevole. Una tre giorni, dal 18 al 20 dicembre, all’insegna della sostenibilità e dell’economia circolare.

    Tornare all’antico per pensare al futuro è una questione circolare e concepire un modello in cui lo scarto, trasformato e rigenerato, rientra nel ciclo dei consumi apportando valore economico e sociale rappresenta la vera svolta. «“Una nuova vita agli “scarti”, alle cose come alle persone» è l’idea da cui Luciana Delle Donne ha raccontato l’esperienza di “Made in Carcere” e “2nd Chance” attraverso cui «oggi – dice con orgoglio – siamo al quarto posto tra gli innovatori sociali in Italia e restituiamo, attraverso il lavoro, un contatto con la realtà alle donne detenute». Incisivi gli interventi di Lucio Cavazzoni di Alce Nero, marchio di oltre mille agricoltori e apicoltori, con la sua idea di rimettere la terra al centro del nostro paese e l’innovazione organizzativa di Antonella Marsala di Italia Lavoro per dare risposte concrete al problema dell’occupazione femminile. Importanti anche i bilanci, con dati alla mano, dei rappresentanti dei Gal locali e il concetto di nuova rappresentazione del territorio descritto da Vincenzo Bellini, Presidente del distretto della creatività della Regione Puglia, per il quale «con la creatività e con la cultura si può creare Pil e, in Puglia, il 4,3% del Pil regionale deriva proprio da queste due fonti ancora troppo sottovalutate». Ha fatto da cornice al Festival “Mostra d’Arte” con le installazioni di cinque artisti prodotte solo con materiale di riuso.