More

    HomeNotizieCronacaStruttura non idonea, la Forestale sequestra il canile di Cerignola

    Struttura non idonea, la Forestale sequestra il canile di Cerignola

    Pubblicato il

    Il canile comunale di Cerignola (Fg), gestito dall’APAC, l’Associazione Protezione Animali, è stato posto sotto sequestro dagli uomini del Corpo Forestale di Foggia. Anche 400 cani sono stati sottoposti a sequestro sanitario. Nel corso dei controlli, per accertare la gestione di strutture deputate al ricovero di cani randagi e per prevenire e reprimere reati di maltrattamento, eseguiti nel canile con la collaborazione del servizio veterinario della Asl, si è anche scoperto che la struttura non aveva il nullaosta sanitario e che ospitava una quantità di animali non consentita dalla legge. Gli animali in affidamento, secondo quanto emerso dai controlli della forestale, non era stati sottoposti ai minimi trattamenti sanitari, come la sterilizzazione e l’assistenza sanitaria prestata dal veterinario convenzionato con l’associazione inesistente. Nel corso degli accertamenti è emerso che, già in passato, la struttura era stata dichiarata non idonea dal Servizio Veterinario della ASL di Cerignola. Il canile e i suoi ospiti, tra cui anche alcuni cavalli e un cinghiale sprovvisti di microchip, sono stati posti sotto sequestro e affidati al sindaco di Cerignola, Antonio Giannatempo, in qualità di Autorità sanitaria comunale. Sono in corso ulteriori indagini a carico della regolarità dell’APAC e del rapporto convenzionale con il Comune, ormai scaduta da diverso tempo e mai rinnovata con l’Ente Comunale. Il presidente e responsabili dell’APAC sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per maltrattamento animali e truffa aggravata ai danni dell’ente comunale. (AGI)

    6 COMMENTS