More

    HomeNotizieAttualitàTariffario inviato alle Parrocchie, Mons. Renna: «campagna mediatica di discredito»

    Tariffario inviato alle Parrocchie, Mons. Renna: «campagna mediatica di discredito»

    Pubblicato il

    Qualche giorno fa “il Fatto Quotidiano” aveva riportato la storia del tariffario inviato dalla curia alle parrocchie per raccogliere la cifra di 20mila euro, finalizzati a «doni per Sua Eccellenza monsignor Felice di Molfetta (un trittico iconografico) e per Sua Eminenza monsignor Luigi Renna (autovettura Opel Astra)». Un degno epilogo, frutto del presunto intreccio opaco tra diocesi, politica e imprenditoria. A buttare acqua sul fuoco è stato però il nuovo vescovo eletto Mons. Renna. «Una campagna mediatica di discredito nei confronti del mio predecessore – ha commentato a Minervinolive.it Sua Eccellenza -. Ringrazio la Diocesi ed esprimo il mio più profondo rispetto per tutti, ma mi riservo di destinare l’automobile, che è stata acquista per me, per il bene della comunità».

    Un gesto per placare le polemiche e probabilmente per invertire la rotta, senza un evidente strappo o un esplicito mea culpa nei confronti della precedente gestione “curia nostra”. Infatti da piazza Duomo, attraverso un allegato tecnico, avevano con precisione stabilito ogni cosa: «per tutti vi sarà una quota fissa di 300 euro, alla quale si sommerà una quota pro-capite fidelium di 150 euro per quei parroci all’interno di parrocchie da 1 a 2000 fedeli; 250 euro per ciascuna Chiesa con un numero di credenti che va da 2001 a 4000; 350 euro per quelle parrocchie da 4001 a 8000 fedeli».

    «Agirò sempre – ha continuato l’ormai prossimo Vescovo Mons. Renna – in linea con le modalita con cui Papa Francesco sta operando nel mondo: per questo motivo, ringrazio i fedeli per l’affetto che mi hanno dimostrato con questo regalo, che però non userò personalmente. Nella comunità, infatti, questa automobile troverò sicuramente un utilizzo adatto a venire incontro alle esigenze di chi ne ha bisogno».

    4 COMMENTS

    1. Speriamo che sua Eminenza non sia come Il nostro Sindaco “tutto chiacchiere e distintivo” e che alle parole seguano i fatti.