More

    HomeSportCalcioDa una penultima all'altra: l'Audace Cerignola chiude l'anno con l'Hellas Taranto

    Da una penultima all’altra: l’Audace Cerignola chiude l’anno con l’Hellas Taranto

    C'è il primato da difendere per i gialloblu, che avranno a disposizione il neoacquisto Vicedomini

    Pubblicato il

    Ultimo impegno del 2016 per l’Audace Cerignola, che nella prima giornata di ritorno sfida sul proprio campo l’Hellas Taranto. Si tratterà della terza partita casalinga nelle ultime quattro disputate, e va da sé che l’obiettivo è fare bottino pieno così come capitato con Molfetta Sportiva ed Avetrana. Tanto più che, prima della sosta, va difeso un primo posto al quale gli ofantini sono tornati superando i tarantini 4-2 domenica scorsa, al culmine di un secondo tempo eccezionale per intensità e carica agonistica, rimontando lo svantaggio con cui si era chiusa la prima frazione. Il Cerignola di Farina è questo: un sapiente mix di tecnica e combattività, voglia di imporsi su chiunque ed una capacità di reazione importante alle difficoltà. I nuovi arrivati si sono inseriti alla grande nel gruppo ed il loro apporto si traduce fattivamente nel rendimento: bene Lecce, Naglieri, Trovè; ottimi Loiodice e Di Rito, in particolare l’argentino è la punta prolifica che tanto mancava alla squadra e sono già quattro in tre presenze le sue marcature. Sarà il primo match con il mercato chiuso (ultimo termine per i tesseramenti le 19 di ieri): molte formazioni hanno cambiato volto, il tormentone però da qui alla fine del torneo non cambia: l’Eccellenza è dura e nessuno regalerà nulla. La società del presidente Grieco e del ds Fernandez si è regalata giusto ieri un altro pezzo da 90: il forte centrocampista Carlo Vicedomini, con una notevole esperienza in C1 e C2 e proveniente dal Manfredonia. Domani il tecnico casertano riavrà a disposizione Ciano e Cappellari, ma deve sopperire all’assenza dello squalificato Pollidori: il sostituto in mezzo al campo non è stato ancora deciso, il candidato naturale sembra Daniele Amoruso anche se non si esclude l’esordio dello stesso Vicedomini. In prima linea, il trio Loiodice-Di Rito-Morra, con l’ariete devastante al suo ingresso con i biancoarancio tarantini.

    Da una penultima all’altra: nello scorso turno l’Avetrana, ora l’Hellas Taranto che in un derby provinciale condivide la posizione a quota 10 punti ed un bilancio di una vittoria, sette pareggi e sette sconfitte. Rispetto alla passata stagione, sono completamente opposti gli umori in casa rossoblu: da una tranquilla salvezza alla pericolosità dei bassifondi e l’unica affermazione riportata quasi un girone esatto fa a Galatina basta a dimostrarlo, con una rosa comunque (va detto) dall’età media molto bassa. La compagine guidata da Renna ha raccolto 7 dei suoi 10 punti in trasferta e, come insegna l’Avetrana, va affrontata con la dovuta concentrazione: dal mercato di riparazione sono arrivati gli attaccanti Crupi e Chiffi per guarire il mal di gol -appena sette quelli realizzati, peggior attacco della categoria-, mentre sono da tenere in considerazione anche Visconti e Kunde. All’andata a Faggiano terminò 0-1, con una punizione vincente a firma Carmine Marinaro. Calcio d’inizio al “Monterisi” alle ore 14.30, con la direzione di gara affidata al sig.Mallardi della sezione di Bari.