More

    HomeEvidenzaElezioni Provinciali l'8 gennaio. Cerignola candida Sgarro e Lepore

    Elezioni Provinciali l’8 gennaio. Cerignola candida Sgarro e Lepore

    Presentate le liste sono due i candidati di Cerignola. Federazione Civica pronta a consegnare 4 voti all'UDC, il duo forzista seguirà le indicazioni di scuderia

    Pubblicato il

    Presentate oggi le liste per le elezioni provinciali in Capitanata, elezioni biennali per il solo consiglio, mentre il presidente – Francesco Miglio – resta in carica quattro anni. Sono diversi i nomi, collocati all’interno di cinque liste, a contendersi i posti a Palazzo Dogana. Oltre al Partito Democratico e a Capitanata Civica, ci saranno Forza Italia, Area Popolare-NCD e UDC. La competizione del prossimo 8 gennaio vedrà come platea elettorale i già consiglieri comunali dei comuni della provincia, ai quali è assegnato un diverso peso specifico a seconda della grandezza del comune.

    I 12 consiglieri dovrebbero essere quasi tutti di nuova nomina se si guardano le liste ufficializzate oggi. Non ci sarà infatti Antonio Tutolo e diversi altri nomi. Resta invece in corsa Rosario Cusmai, la cui vicepresidenza passata è oggi insidiata dalla new entry Angelo Riccardi. In casa Pd saranno 8 i candidati, ma la “vera” partita in casa democrats si gioca tra il sindaco di Manfredonia, l’uscente Pasquale Russo e il cerignolano Tommaso Sgarro. Determinanti saranno i voti di Foggia e dei grandi comuni di Capitanata, considerato che sotto i 3800 voti non sarà possibile ipotizzare l’elezione.

    Capitanata Civica, lista afferente a Leo Di Gioia, oltre all’uscente Cusmai e a Raimondo Ursitti, propone la mettiana Loredana Lepore, capogruppo in consiglio per i cicognini. Su di lei convergerebbe l’intero gruppo cicognino di maggioranza, con Federazione Civica di Pezzano pronta invece a sostenere Giuseppe Mangiacotti (UdC). Proprio in casa UDC altro nome possibile sarebbe quello di Antonio Zuccaro, di San Nicandro Garganico. Pasquale Cataneo, Joseph Splendido, Eliana Clemente e Nicola Russo sono invece i nomi più quotati tra i forzisti, pronti a giocare per ben tre posti in consiglio.

    IL PUNTO SU CERIGNOLA Si configura uno scontro a due nella città ofantina. Candidata di maggioranza è la capogruppo Loredana Lepore, sulla quale convergerebbero 10 voti incluso il Sindaco. A non garantire l’appoggio alla mettiana ci sarebbero i due outsider – Lapiccirella e Cioffi – e i quattro uomini di Federazione Civica che girerebbero a Mangiacotti il loro bottino. Lepore avrebbe quindi bisogno di appoggi esterni, di voti provenienti da altri comuni, magari frutto della buona intesa esistente tra Franco Metta e Antonio Tutolo. Parte invece dai 7 voti del centrosinistra Tommaso Sgarro, l’altro candidato cerignolano, che però dovrebbe raccogliere diverse preferenze nell’intero territorio dei Monti Dauni e qua a la nei diversi centri della Capitanata. Il duo di Forza Italia invece dovrebbe allinearsi alle indicazioni di partito provenienti da Foggia, salvo accordi last minute.

    1 COMMENT