More

    HomeNotizieCronacaOmosessuale di Cerignola picchiato a Roma

    Omosessuale di Cerignola picchiato a Roma

    Un giovane di vent’anni aveva lasciato la Puglia, in tre lo hanno prima insultato e poi picchiato e preso a calci. Salvato dai passanti. Spano, direttore dell’Ufficio Antidiscriminazioni: «Violenze che non si possono tollerare»

    Pubblicato il

    ROMA – Si chiama Gerardo, è omosessuale, ha 20 anni e da Cerignola si è trasferito a Roma da poco tempo, sperando di trovare nella capitale un lavoro. Ma così non è stato: Gerardo lunedì scorso è stato aggredito, fisicamente e verbalmente, da tre giovani che dopo averlo pesantemente insultato lo hanno fatto cadere cominciando a prenderlo a calci. Solo l’arrivo dei passanti ha evitato il peggio. Ma Gerardo non ci sta a subire in silenzio: si è messo in contatto con l’associazione Gay Center e, con il loro aiuto, ha denunciato alla polizia l’aggressione. Nei prossimi giorni, proverà a fare un riconoscimento dei suoi aguzzini.

    Foto ANSA
    Foto ANSA

    «Coraggio e senso civico» – Il giovane ha raccontato la sua brutta esperienza oggi, in una conferenza stampa all’Unar, l’Ufficio Antidiscriminazioni della Presidenza del Consiglio. Il direttore, Francesco Spano, ha lanciato un appello alle vittime di omofobia a denunciare e ha detto che «queste violenze non si possono giustificare». «Ringrazio Gerardo – ha detto ancora Spano – per il suo coraggio e per il senso civico che ha avuto, denunciando l’aggressione alle forze dell’ordine. La violenza è un reato ma spesso le vittime non denunciano e ciò rende difficile combatterla. Ogni giorno si verificano episodi di violenze contro i gay, i disabili, le donne, gli anziani, gli stranieri e in generale le persone più fragili. Questo non si può tollerare».

    «Non bisogna avere paura di denunciare, perché denunciare ci rende liberi» ha detto Gerardo, ammettendo che spesso non si denunciano queste violenze perché si ha paura della reazione dei propri genitori oppure di subire nuove aggressioni. Lui stesso, ha raccontato, aveva già subito un’aggressione qualche tempo fa a Foggia, mentre era con il suo compagno, ma in quell’occasione aveva scelto di non parlare per evitare che la notizia arrivasse ai suoi genitori. «Su venti ragazzi gay dell’età di Gerardo, in media solo uno denuncia» ha detto Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay center citando l’esperienza della Gay Help Line, il telefono gratuito per denunciare le violenze ai danni delle persone omosessuali, che ogni anno riceve oltre 20mila segnalazioni.

    Tratto da corrieredelmezzogiorno.corriere.it – 30 settembre 2016