More

    HomeEvidenzaUdas Volley in casa col Taviano, la Pallavolo Cerignola a Barletta

    Udas Volley in casa col Taviano, la Pallavolo Cerignola a Barletta

    Ferma la Cav Libera Virtus, alla quale il calendario impone un turno di riposo in B2 femminile

    Pubblicato il

    Terzo turno dei principali campionati di volley, che vede però solo due nostre formazioni in campo: nella B2 femminile infatti, la Cav Libera Virtus osserverà un turno di riposo, a causa della composizione del proprio girone a tredici squadre. Nella B unica maschile invece, secondo appuntamento casalingo per l’Udas Volley, che ospita domenica (ore 18) il Pag Volley Taviano. I ragazzi di Roberto Ferraro, nella precedente giornata, hanno riscattato il ko dell’esordio, andando a vincere 0-3 sulla Pallavolo Andria: una prova di tutt’altro spessore per i biancazzurri, attenti in tutti i fondamentali e capaci di mantenere la concentrazione nelle fasi più calde del gioco. I leccesi del Taviano hanno 4 punti in classifica: sono stati battuti invece in casa al tie break da Gioia del Colle domenica scorsa, mentre hanno ottenuto un successo in trasferta nella prima giornata. Non è mai semplice giocare contro le formazioni salentine, abbastanza attrezzate e dalla grande tradizione pallavolistica: gli udassini però vogliono ben figurare davanti al proprio pubblico e regalare la prima gioia stagionale alla tifoseria.

    In serie C femminile, la Tecnomaster.biz Pallavolo Cerignola affronta l’ostica trasferta di Barletta: per le fucsia, nuovo test importante in campo avverso che arriva dopo il blitz ad Altamura e la convincente affermazione interna contro il Cuti Volley. Tortora e compagne vorranno senz’altro proseguire la striscia di vittorie consecutive (fra vecchia e nuova stagione) arrivata a quota trentaquattro. Per le biancorosse avversarie finora un successo ed una sconfitta, nell’ultimo impegno a Montescaglioso: il Boasorte Volley si affiderà al fattore campo per fermare il cammino delle cerignolane, le quali invece puntano sul bel momento di forma e sull’efficacia offensiva di Albanese e Bellapianta per espugnare il pala “Marchiselli”.