Sportweb
pub_728_90

Un dicembre salato per Cerignola: 368mila euro di multe

i più letti

Omicidio-suicidio a Cerignola, “I disagi non devono mai vivere nel silenzio, vanno sempre denunciati”

Il Presidente dell’Ordine degli Psicologi della regione Puglia, Antonio Di Gioia, interviene sulla tragedia che ha coinvolto due donne...

Protesta e sciopero della fame. I dipendenti del “verde” rivogliono il proprio lavoro

Sciopero della fame ad oltranza per i dipendenti del comparto verde pubblico. Questa la decisione presa dai lavoratori della...

Premio Zingarelli, il bando della dodicesima edizione

La data di scadenza del bando prevista il 29 febbraio 2020 dà a tutti la possibilità di partecipare al...
Gennaro Balzano
Giornalista, corrispondente da Cerignola per La Gazzetta del Mezzogiorno, insegna nella scuola primaria. Collabora con l'Università di Bari ed è consulente in comunicazione in diversi progetti.

Si è tanto parlato nei giorni scorse di multe e sanzioni per i cittadini in un’accesa polemica tra opposizione e maggioranza. Dalle parole si passa ai fatti, e agli atti. Dicembre 2016 infatti è stato un mese di entrate record per l’amministrazione targata Metta, che ha riservato agli indisciplinati della strada una pioggia di sanzioni, generando non poche lamentele.

Lasciando parlare gli atti, la determina dirigenziale n. 145/16 dello scorso 16.02.2017 avente ad oggetto l’accertamento delle entrate relativo al mese di Gennaio 2017, riguardante cioè le “entrate” rivenienti dal pagamento delle sanzioni amministrative per violazioni alle norme del codice della strada non lascia scampo a interpretazioni ponendo in evidenza le “cifre” della “rivoluzionaria” video sorveglianza voluta dal duo Metta-Delvino. Nel solo mese di dicembre emessi ben 3190 verbali per violazione del codice della strada, pari a 368.039,99 euro. Una gran somma che probabilmente non genererà numeri simili all’atto del pagamento vero e proprio, anche se nel mese di gennaio ha già prodotto un reale incasso di 201.726,01 euro.

Cifre in linea con quanto previsto a bilancio sul capitolo “multe”, somme che hanno già fatto gridare allo scandalo l’opposizione, e che potrebbero crescere con l’entrata in vigore della ZTL. Ma la lamentela principale, quella dei cittadini, riguarda la difficoltà di contestazione dei “verbali”, poiché considerati i costi di avvio delle procedure conviene pagare e basta. Anche su questo si è espresso più volte il centrosinistra, affermando che «telecamere e ZTL servono quasi esclusivamente per far cassa, più che portare benefici ai cittadini di Cerignola».

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Omicidio-suicidio a Cerignola, “I disagi non devono mai vivere nel silenzio, vanno sempre denunciati”

Il Presidente dell’Ordine degli Psicologi della regione Puglia, Antonio Di Gioia, interviene sulla tragedia che ha coinvolto due donne...

Protesta e sciopero della fame. I dipendenti del “verde” rivogliono il proprio lavoro

Sciopero della fame ad oltranza per i dipendenti del comparto verde pubblico. Questa la decisione presa dai lavoratori della Cooperativa "il Giglio", precedentemente "Mondoservice",...

Premio Zingarelli, il bando della dodicesima edizione

La data di scadenza del bando prevista il 29 febbraio 2020 dà a tutti la possibilità di partecipare al Premio Letterario Nazionale “Nicola Zingarelli”...

Omicidio-suicidio in agro di Cerignola. Due morti e una donna ferita

E' accaduto in agro di Cerignola a metà mattinata. Non si è ben compreso dalle prime rilevazioni cosa sia accaduto precisamente. Quel che è...

Picchia la madre mentre è ai domiciliari: torna in carcere un 32enne di Cerignola

Nello scorso fine settimana, gli Agenti del Commissariato di P.S. di Cerignola hanno eseguito l’ordine di sospensione della detenzione domiciliare e ripristino della custodia...