giovedì, 20 Febbraio - 22:18
pub_728_90
Sportweb

Spaccio, evasione e resistenza a Pubblico Ufficiale: raffica di arresti dei carabinieri

Coinvolto anche un minorenne per spaccio in Villa comunale, ai domiciliari dopo segnalazione al carcere minorile

i più letti

Tragedia in zona Convento. Si lancia nel vuoto e muore

E' accaduto in pieno centro, in zona Convento, nella mattinata di oggi. Una donna si è lanciata nel vuoto...

Vessazioni e minacce alla madre per acquistare droga, i carabinieri arrestano 34enne di Cerignola

I carabinieri di Cerignola hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal Gip del Tribunale...

Sequestrata dalla Polizia autodemolizione con numerosissimi componenti di mezzi pesanti rubati

Scoperta centrale di riciclaggio di automezzi pesanti a Cerignola. La Polizia di Stato controlla una ditta di autodemolizioni e...

Negli ultimi due giorni, nel corso di vari servizi di controllo del territorio, oltre che di appostamento e di pedinamento, i Carabinieri di Cerignola hanno tratto in arresto 5 persone in 4 distinte operazioni di servizio.

I primi due a finire in manette sono stati DI DONATO DANILO, cl. ’98, con piccoli precedenti di polizia, e un complice diciassettenne, entrambi di Cerignola, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. In particolare, i militari della Stazione di Cerignola, dopo varie segnalazioni ricevute da alcuni genitori di giovani, i quali riferivano che all’interno della villa comunale vi era una continua attività di spaccio di sostanze stupefacenti, hanno predisposto un servizio di osservazione all’interno del parco. Al termine del servizio, durato alcune ore, i militari, che con non poche difficoltà hanno fatto in modo di non destare alcun sospetto ai vari ragazzi presenti, hanno bloccato i due giovani mentre stavano prelevando la droga da un buco ricavato in un muro. Infatti, all’interno del buco, gli operanti hanno rinvenuto 37 grammi di hashish e 5 di cocaina, già confezionati per lo spaccio, che i due si stavano accingendo a prendere per la successiva consegna a degli assuntori. Su disposizione dei Pubblici Ministeri competenti, della Procura di Foggia per il maggiorenne, e della Procura dei Minorenni di Bari per il minorenne, entrambi gli arrestati sono stati sottoposti ai domiciliari.

Sempre i militari della Stazione, poi, hanno tratto in arresto NEDELEA LIVIU TUDOREL, cl. ’85, pregiudicato di origini rumene. Nedelea, ristretto ai domiciliari per reati in materia di stupefacenti, è stato sorpreso dai militari all’esterno della propria abitazione. Anche Nedelea è quindi stato risottoposto agli arresti domiciliari e risponderà del reato di evasione.

I militari dell’Aliquota Radiomobile del NORM della Compagnia, invece, hanno arrestato CAPUTELLI GIUSEPPE FRANCESCO, cl. ’96, incensurato di Barletta. Durante la notte i militari erano intervenuti lungo la via Consolare dopo la segnalazione di un incidente stradale. Giunti sul posto, i militari notavano un’auto che si era schiantata contro altre tre parcheggiate, e due ragazzi all’esterno dell’autovettura, col viso tumefatto. Uno dei due, l’autista, alla vista dei militari si dava alla fuga a piedi. Rincorso per quasi un chilometro, è stato bloccato, nonostante la violenta resistenza opposta ai militari nel vano tentativo di liberarsi. Caputelli, quindi, in evidente stato di alterazione psicofisica, veniva tratto in arresto per resistenza a Pubblico Ufficiale, e deferito in stato di libertà per guida in stato di ebbrezza. Allo stesso è stata anche ritirata la patente.

I militari del Nucleo Operativo, poi, hanno arrestato MAGGIO DOMENICO, cl. ’89, incensurato cerignolano. Dopo vari servizi di osservazione e pedinamento, condotti per diversi giorni, in via Manfredonia i militari hanno deciso di intervenire bloccando la Ford Fiesta a bordo della quale Maggio viaggiava, e, al termine di un’approfondita perquisizione personale e veicolare, hanno trovato 10 involucri di cellophane, tutti contenenti della cocaina in forma solida, del peso complessivo di ben 135 grammi. La sostanza, che ancora doveva essere sottoposta al procedimento di “taglio”, che ne avrebbe più che raddoppiato il peso, è stata sequestrata, mentre Maggio è stato dichiarato in arresto per detenzione ai fini di spaccio di cocaina e sottoposto agli arresti domiciliari. La droga, una volta immessa nel mercato, avrebbe fruttato almeno 30.000 Euro.

Questo slideshow richiede JavaScript.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Intimidazione a dirigente comunale, la ferma condanna della Chiesa di Cerignola

In una nota congiunta, Mons. Luigi Renna (Vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano) e don Pasquale Cotugno (Vicario Foraneo di Cerignola)...

Cerignola, nelle campagne i carabinieri rinvengono armi, munizioni e droga

Un’altra robusta attività di controlli e rastrellamenti ha consentito ai carabinieri di Cerignola di rinvenire e sequestrare armi, munizioni, stupefacenti e vario materiale tipicamente...

Proiettile dietro la porta. Nel mirino un dirigente comunale

Un proiettile in Comune, posizionato dietro la porta di uno dei dirigenti. Si tratta di Michele Prencipe, dirigente ai Lavori Pubblici. Sarebbe infatti stato...

Sanità, Dattoli e Piazzolla indagati per gli appalti ai Riuniti

L’ipotesi è che quattro appalti milionari della sanità siano stati truccati per favorire due professionisti e altrettante imprese. Il sospetto è che questo sia...

Caporalato, Coldiretti Puglia: si paga più la bottiglia del pomodoro in essa contenuto

Quando si acquista una passata al supermercato costa più la bottiglia che il pomodoro contenuto. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti diffusa...