Sportweb
pub_728_90

Ztl, no sospensione ma modifica: in 3 ore di consiglio succede di tutto

Dopo ore di discussione il centrosinistra ritira il punto, Metta promette modifiche

i più letti

LETTERA | «Dovremmo imparare a dire grazie al personale di Pronto Soccorso»

«Dovremmo imparare a dire grazie a tutto il personale che lavora in Pronto Soccorso». Così si legge in una...

Via Nizza al collasso, urge intervento sulla viabilità

Non serve una grande intelligenza e neppure un pensiero particolarmente raffinato per comprendere - già prima - che un...

Il vescovo Luigi Renna inaugura il nuovo oratorio “Santa Scorese e Carlo Acutis” ad Orta Nova

“Quali scelte vanno fatte? Anzitutto potenziare gli oratori, con una progettualità che sarà seguita e guidata dal Servizio Diocesano...
Gennaro Balzano
Giornalista, corrispondente da Cerignola per La Gazzetta del Mezzogiorno, insegna nella scuola primaria. Collabora con l'Università di Bari ed è consulente in comunicazione in diversi progetti.

Un consiglio comunale con un preciso oggetto, con la strada tracciata, con la possibilità di dire sì o no a quanto richiesto in auto convocazione dal centrosinistra, cioè la sospensione della Zona a Traffico Limitato e il ripristino della nuova viabilità. Ma il documento inviato alla stampa nella mattinata di martedì dal comitato dei commercianti aveva fatto presagire il colpo di scena, che poi c’è stato. (Clicca qui per il Consiglio LIVE)

L’appoggio di Forza Italia, sempre accondiscendente rispetto a molte scelte dell’amministrazione, è ribadito in consiglio nei fatti con un documento congiunto dei due gruppi di maggioranza più i forzisti. Una “sorpresa” – poiché il documento non viene anticipato al centrosinistra -, sulla quale si chiede l’approvazione “a scatola chiusa”. Dal centrosinistra sostengono che «non può considerarsi incidentale dell’auto convocazione un documento di quattro pagine che di fatto ne modifica l’oggetto». Positivo a tal proposito anche il parere del segretario comunale rispetto al quale il centrosinistra promette battaglia.

Dopo una estenuante discussione di oltre dieci interventi, Sgarro, accertata l’impossibilità del voto rispetto all’oggetto dell’auto convocazione, chiede il ritiro del punto. Un ritiro, che di fatto non permette alcuna altra votazione, che Sgarro motiva puntualmente: «abbiamo convocato un consiglio per sospendere la Ztl non per votarne delle modifiche che nemmeno ci avete permesso di conoscere. Pertanto ritiro il punto. Le modifiche si possono fare come già in passato ha fatto il Sindaco, con le ordinanze».

Un consiglio comunale senza una conclusione privo di dibattito costruttivo dove la polemica è talmente sterile da svilire il livello del confronto. I problemi creati con l’introduzione della ZTL, acuiti poi dagli atteggiamenti dello stesso esecutivo, risolti in consiglio dalla stessa maggioranza con l’aiuto di Forza Italia, in religioso e interessato silenzio durante le polemiche delle scorse settimane: questo il fotogramma unico di ore di dibattito.

Intorno alle 19,30 ritirato il punto il centrosinistra abbandona il consiglio, che non avrebbe lì più luogo d’essere, ma chiosa il Sindaco Metta con mezz’ora di discorso. Non esitando a polemizzare con parte del pubblico, il Primo cittadino ha promesso di dar seguito alle modifiche richieste, ribadendo il tutto anche a mezzo stampa. «Cicogna, Federazione Civica e Forza Italia hanno maturato una serie di proposte, perfettamente recepite dal Sindaco, in quanto giudicate migliorative della organizzazione e della regolamentazione della zona a traffico limitato. Le proposte migliorative saranno ora oggetto di appositi atti deliberativi da parte dell’organo esecutivo». Non mancano le frecciatine al Pd «a rimorchio di giullari e traditori» secondo Loredana Lepore. Vision positiva anche per Federazione Civica: «va riconosciuto al consigliere Vincenzo Specchio, delegato alle attività produttive, un ruolo chiave poiché è stato il soggetto che ha fatto da collante tra le richieste dei commercianti e le esigenze dell’amministrazione».

FORZA ITALIA: «Nostre proposte sulla Ztl riconosciute come valide dalla maggioranza»

CONTRADDIZIONI DEL NOSTRO TEMPO Il nostro è il tempo delle contraddizioni, dove però alcune sembrano davvero cozzare con la cruda della realtà. E’ il caso del consigliere Vincenzo Specchio, che in 40 giorni ha cambiato tre volte posizione. Da «il provvedimento è stato concertato con i commercianti» alla «richiesta di sospensione», fino alle modifiche – senza sospensione – durante l’ultimo consiglio. Ma non è tutto. «Riteniamo doveroso azzittirci durante la Settimana Santa […]. In questa settimana noi non parleremo», perché «questo il calendario che ci siamo dati», recitava un comunicato stampa dell’11 aprile, ieri. Ebbene, tanto per seguire la via della contraddizione, sono diverse le note stampa di oggi prodotte da La Cicogna e Sindaco. Smentiti dai fatti, per non smentirsi mai.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Ares Flv e Pallavolo Cerignola in casa, rispettivamente contro Chieti e Fasano

Nel weekend impegni casalinghi per Ares Flv Cerignola e Pallavolo Cerignola nei rispettivi tornei di appartenenza di volley: in...

Una sfilata di moda ha celebrato il decimo anniversario dell’indirizzo Industria e Artigianato per il Made in Italy

L’evento ha ricostruito l’affascinante percorso di crescita personale e professionale compiuto dalle alunne nel corso dei dieci anni di attività dell’indirizzo. Attraverso una serie...

“Per incontrare ogni uomo”: il Natale del vescovo Luigi Renna con la Città di Cerignola

Anche quest’anno è denso di impegni, per il vescovo Luigi Renna, il periodo di preparazione alla solenne celebrazione della notte del 24 dicembre quando,...

Un Presepe che racconta il lutto dell’umanità. A Palazzo Dogana il manufatto del Liceo Artistico di Cerignola

Un'opera che fa pensare e riflettere su quello che sta accadendo dall'altra parte del Mediterraneo. Si tratta del "presepe nero" del Liceo Artistico "Zingarelli...

Foggia, una pensione su 5 è sbagliata. Cia Capitanata: “Occhio all’errore”

Una pensione su 5 è “sbagliata”: il 20% delle pensioni attualmente erogate potrebbero essere state calcolate su parametri errati. E’ quello che ha scoperto...