lunedì, 24 Febbraio - 02:37
Sportweb
pub_728_90

Il mare precario di chi non lavora. Mille famiglie non vivono l’estate

Le storie di padri di famiglia che faticano a sbarcare il lunario e debbono negare le vacanze ai figli

i più letti

Baresi e leccesi: scontro tra tifoserie sulla A16 all’altezza di Cerignola

In tarda mattinata, lungo l’autostrada A16 Canosa-Napoli, si è registrato uno scontro tra tifoserie. Al km 154 alcuni tifosi del...

Coronavirus, task force in Puglia. Oltre 130 casi in Italia, Casa Sollievo chiude alle visite

Sul fronte Coronavirus anche la Puglia corre ai ripari e annuncia una nuova riunione della task force regionale ad inizio...

Fermato con 50 grammi di cocaina sulla ss 89: scatta l’arresto per un 25enne di Cerignola

Il robusto servizio dell’altro ieri, svolto tra Monte Sant’Angelo e Manfredonia, finalizzato a reprimere lo spaccio di sostanze stupefacenti...
Gennaro Balzano
Giornalista, corrispondente da Cerignola per La Gazzetta del Mezzogiorno, insegna nella scuola primaria. Collabora con l'Università di Bari ed è consulente in comunicazione in diversi progetti.

L’amara estate di chi non penserà neppure ad una vacanza è il triste rovescio della medaglia della bella stagione, quella fatta di ferie programmate, momenti ludici e relax. E’ una situazione che riguarda oltre 1000 nuclei familiari, quelli che oltre a non percepire reddito superiore ai 5mila euro al mese – e sono ben più di mille – vivono in situazione di reale indigenza.

Per queste famiglie non esiste il mare, non esiste un giorno di ferie, non esiste la possibilità neanche di pensarci. A raccontarlo è Mario, padre di tre bambine, occasionalmente, quando c’è qualche giornata, bracciante agricolo. «E’ una vergogna per me negare oramai da due anni il mare ai miei figli – confessa amaramente il trentasettenne -. Chi queste situazioni non le vive non può capirle. Un tempo lavoravo, sempre in campagna, e guadagnavo cifre che mi permettevano di vivere. Oggi non ci riesco più, chi fa le squadre vuole persone giovani, che lavorano tanto e che si possono sottopagare. Io sono anche andato in campagna a 25 euro al giorno, ma credetemi con 750 euro al mese, se lavori tutti i giorni, non è possibile portare avanti una famiglia». Una storia amara, che non è fatto isolato. «Sono molti quelli come me che non accettano di essere sottopagati e fanno la fame. Non sono più riuscito a pagare l’affitto due anni fa e sono stato sfrattato. Ho vissuto in case di fortuna, ospite, ma con tre bambine è davvero difficile».

Seppur esistono iniziative sociali per offrire supporto alle famiglie nei periodi estivi, per tante famiglie la vergogna da un lato e la poca informazione dall’altro diventano malgrado tutto da supporto alla negazione del diritto ad esser bambini. Ma proprio quando si crede di aver toccato il fondo, c’è di peggio. Mariana – nome di fantasia -, 7 anni, di nazionalità rumena, il mare non lo ha mai visto. E’ nata in Italia, vive a Cerignola da sempre ma non ha mai fatto un bagno in mare. Ne ha sentito parlare dalla sua maestra e dagli amici di scuola. Conosce invece il fiume, dove in alcuni pomeriggi d’estate – si tratta verosimilmente dell’Ofanto in località Tavoletta – fa il bagno con alcuni suoi familiari. A raccontarcelo è il fratello maggiore, 15 anni, bracciante agricolo.

Ma non è solo questo il disagio. Sarà un’estate amara anche per Matteo, ex-dipendente di un’azienda agroalimentare che ha perso il lavoro lo scorso febbraio. Ha una moglie, un figlio di 4 anni e un mutuo, che non paga dallo scorso aprile. Lavora saltuariamente e riesce a stento a tirare avanti. Il mare lo ha visto per due ore di pomeriggio agli inizi di luglio. Poi lo ha guardato e continuerà a guardarlo da lontano; fa adesso il parcheggiatore in un lido tra Margherita di Savoia e Zapponeta guadagnando 400 euro al mese. «Mi accontento, posso dire che quest’estate vado al mare ogni giorno» ironizza tristemente.

Tre storie diverse, ognuna a modo suo cruda, con dettagli che tolgono il fiato. Quel che fa più male però sono le pause nei racconti dei protagonisti, le frasi a metà, le parole non dette.

Gennaro Balzano
La Gazzetta del Mezzogiorno

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Quattro reti al Sorrento, il Cerignola continua nella rimonta: sognare si può

Con un primo tempo fantastico, il Cerignola supera il Sorrento (4-2), anche se nella ripresa l'Audace concede qualcosina di...

Baresi e leccesi: scontro tra tifoserie sulla A16 all’altezza di Cerignola

In tarda mattinata, lungo l’autostrada A16 Canosa-Napoli, si è registrato uno scontro tra tifoserie. Al km 154 alcuni tifosi del Bari avrebbero aspettato il passaggio...

Coronavirus, task force in Puglia. Oltre 130 casi in Italia, Casa Sollievo chiude alle visite

Sul fronte Coronavirus anche la Puglia corre ai ripari e annuncia una nuova riunione della task force regionale ad inizio settimana. SI intensificano i controlli...

Raffica di controlli e contravvenzioni a Cerignola per automobilisti indisciplinati

Oltre 70 conducenti e 40 veicoli controllati in tre ore ieri mattina a Cerignola e ben 36 contravvenzioni elevate per altrettante infrazioni al Codice...

Fermato con 50 grammi di cocaina sulla ss 89: scatta l’arresto per un 25enne di Cerignola

Il robusto servizio dell’altro ieri, svolto tra Monte Sant’Angelo e Manfredonia, finalizzato a reprimere lo spaccio di sostanze stupefacenti e a controllare in maniera...