More

    HomeNotizieAttualitàCerignola in tilt per la pioggia. Disagi a scuole e viabilità

    Cerignola in tilt per la pioggia. Disagi a scuole e viabilità

    Pubblicato il

    In un giorno Cerignola in tilt per le copiose piogge scese a partire da mercoledì 15 novembre. Ieri, 16 c.m., il momento più drammatico con scuole allagate e una città semplicemente impraticabile. Impossibile girare a piedi, come è stata anche complicata la circolazione con le auto. Ma non è tutto. Alcune scuole sono state costrette a chiudere per impraticabilità delle aule.

    ACQUA IN MOLTE SCUOLE «Mio malgrado, al fine di preservare la salute e l’incolumità degli studenti e del personale docente ed ATA, sono costretta a sospendere le attività didattiche del Liceo Artistico “Sacro Cuore” di Cerignola, in quanto i corridoi, i laboratori e quasi tutte le aule sono allagate a causa delle copiose piogge. Questa situazione si ripete ogni qualvolta piove. Tante le richiesta di intervento e di aiuto. La risposta da più di tre anni è la stessa: roboante silenzio e inerzia». Così Giuliana Colucci, dirigente dell’istituto, ha scritto in una nota stampa. «L’umidità, il pericolo evidente nei laboratori ove vi sono macchinari e attrezzature elettriche, la necessità di avere ambienti adeguati, impongono la sospensione delle attività didattiche fino al termine dell’emergenza. Ritengo che sia gravemente leso il diritto allo studio dei miei studenti e che non sia più possibile rinviare un intervento risolutivo e immediato». Ma non è l’unico caso. Simile situazione presso la scuola dell’infanzia di via Ercolano (I.C. Di Vittorio-Padre Pio), poi chiusa, e nella scuola primaria «dove sono stati effettuati lavori di manutenzione quest’estate per una somma pari a 200mila euro» fa sapere la dirigente Lucia Lenoci. A queste si aggiungono le diverse infiltrazioni d’acqua in altri istituti cittadini: presso l’istituto comprensivo “Battisti-Don Bosco”, al Liceo Scientifico “A. Einstein”, nel plesso Paolillo dell’I.C. “Carducci-Paolillo”, al Liceo Classico “N. Zingarelli”, oltre che in diverse altre scuole della città.

    FOGNE IN AFFANNO Strade allagate e fiumi d’acqua in superficie sono il sintomo di un malessere nel sistema di smaltimento delle acque. Sono diversi i tronchi di fogna bianca in affanno, soprattutto laddove confluisce acqua proveniente da strade in discesa (incrocio via Candela, via Melfi, via Napoli, MM SS di Ripalta, via Bologna, ndr). Una capacità forse non più idonea e la necessità di manutenzione (pulizia delle condotte, ndr) alla base del notevole scorrere d’acqua in superficie, fatto che in presenza di sistema fognario perfettamente funzionante non avverrebbe. Di qui il tilt del traffico, l’impossibilità di attraversare a piedi una strada, le macchine bloccate dall’acqua. Seppur si è trattato di un evento straordinario, le foto girate sui social descrivono una città allagata.