More

    HomeNotizieAttualitàCerignola, questione terreni Istituto Agrario: analisi video delle zone interessate

    Cerignola, questione terreni Istituto Agrario: analisi video delle zone interessate

    Pubblicato il

    Il tema di attualità di questi giorni di agosto è senz’altro la questione dei terreni edificanti dell’Istituto Tecnico Agrario “Pavoncelli” di Cerignola. Il comune, con una delibera approvata in consiglio comunale lo scorso 25 luglio, ha suscitato una serie di reazioni a catena della intera comunità scolastica e anche a livello politico-sindacale regionale e provinciale; le repliche, senza peli sulla lingua, del primo cittadino, nei confronti di tutti i protagonisti coinvolti richiedono certamente un approfondimento utile a fare chiarezza sulla diatriba. Grazie al preziosissimo aiuto dei responsabili del plesso scolastico abbiamo realizzato delle testimonianze video per comprendere quali siano i terreni oggetto del dibattere. Nel punto dove sorgerà il Palazzetto dello Sport, infatti, si finirà per sottrarre complessivamente 10 mila metri quadrati; stesso spazio, inoltre, sarà sottratto per la realizzazione del supermercato (attualmente c’è un uliveto sperimentale, ndr); infine il canile, dove dovrebbero essere ospitati 250 cani, nel restante appezzamento di terreno. La parte riguardante invece i giardini della mezzaluna, contano circa 15 mila metri quadrati.

    In sostanza, la progettazione prevede una palestra comunale da 3 mila mq, la strada che interseca Via Tiro a Segno utile come accesso al nuovo palazzetto, da 1.300 mq, l’Oasi Cane, da circa 9.000 mq e gli Orti Urbani da 9.350 mq. L’ente comunale, in buona sostanza, avrà a disposizione circa 23.000 metri quadrati di terreno contro i restanti 4.000 a disposizione dell’Agrario “Pavoncelli”: questo è ciò che in molti, da più parti, sia istituzionali che del mondo dell’associazionismo, sembrano definire un vero e proprio “scippo di terreni”, ai danni ovviamente di una delle più importanti e rappresentative realtà scolastiche della provincia foggiana. Una scuola che, tra le altre cose, è conosciuta da molti anni non solo per la valorizzazione dello studio del settore agricolo e agroalimentare, ma anche per il suo fortissimo collante col mondo del lavoro, in linea con il diktat ministeriale che vuole un filo diretto tra formazione e lavoro.

    Questo slideshow richiede JavaScript.