More

    HomeSportBasketConfronto ad alta quota per la Castellano Udas, l'Olimpica a Martina Franca...

    Confronto ad alta quota per la Castellano Udas, l’Olimpica a Martina Franca per risollevarsi

    La capolista ospita Ostuni dopo la partenza di Jovanovic. Per i gialloblu è una sfida salvezza

    Pubblicato il

    Archiviata la pausa maltempo, che ha costretto la Fip Puglia a rinviare a febbraio l’intera quinta giornata di ritorno, il campionato di C Silver riparte con il turno numero 21. Per la Castellano Udas arriva domani sera (20.30) un match casalingo insidioso, contro la Cestistica Ostuni. La terza forza del campionato ha 30 punti all’attivo (quindici vittorie e quattro sconfitte, ndr) e con giocatori di assoluto livello come Wayne e Smith insieme a Tanzarella in cabina di regia, può creare più di una preoccupazione ai biancazzurri. In attesa del recupero di Gambarota e con l’addio di Jovanovic dopo la vittoria esterna a Castellaneta -la società è sul mercato per trovare il suo sostituto-, la sfida del Pala “Dileo” viene vissuta con la giusta tensione nell’ambiente udassino. Gianluca Tredici, in esclusiva al nostro giornale, racconta le sue sensazioni: «Importante sfida quella contro Ostuni, che sta facendo un ottimo campionato: proprio per questo ci sarà bisogno di un altra prestazione super da parte nostra, per tenere sempre più lontano le nostre dirette inseguitrici. L’importante sarà contenere i loro americani, tra i migliori del campionato. La pausa ci ha sicuramente aiutato per recuperare energie, soprattutto mentali, e per allenarci meglio in vista dello sprint finale del girone di ritorno». Il capitano udassino prosegue: «L’addio di Jovanovic pesa soprattutto per gli allenamenti, perché ora non riusciamo ad essere sempre in 10: per quanto riguarda domenica, sono fiducioso soprattutto sul ritorno di Gambarota che era fuori da diverse settimane. Ora sono sicuro voglia tornare più forte prima ed aiutare la squadra per continuare a vincere». Arbitri del confronto la coppia Soldano (Trani) e De Tullio (Bari).

    Per l’Olimpica Ecodaunia delicata sfida salvezza a Martina Franca: i gialloblu di Giovanni Gesmundo, dopo la pessima prestazione in casa culminata nel ko contro Mola, hanno bisogno di uno scatto d’orgoglio, sia in termini di gioco che di fattore psicologico. Contro i tarantini (un avversario abbordabile, in classifica hanno raccolto solo 10 punti), è l’occasione per provare a cercare i 2 punti lontano da casa. Walter Alvisi così sintetizza alla nostra testata il difficile momento degli ofantini: «L’ostacolo più grande ora siamo noi stessi, dobbiamo rimanere uniti e continuare a credere nelle nostre potenzialità. Abbiamo cali di concentrazione che ci creano sfiducia, l’unica cosa da fare è restare concentrati e soprattutto coesi: Martina è una squadra ostica e volitiva, specie in casa propria». Dirigeranno il match, domenica alle 18, Crudele (San Severo) e Mitrugno (Mesagne).