More

    HomeEvidenza«Difendono i Vigili mai offesi, ma tacciono se si parla di mafia»

    «Difendono i Vigili mai offesi, ma tacciono se si parla di mafia»

    Pubblicato il

    Anche Fratelli d’Italia si inserisce nella questione riguardante il comunicato della Polizia Municipale con il quale gli agenti si inserivano di fatto nelle diatribe tra maggioranza e opposizione. «Che i Vigili urbani scendano in campo con un comunicato in risposta ad un gruppo consiliare di opposizione è una cosa irrituale e a tratti grottesca» dicono da Fld. «È lecito stigmatizzare la scelta politica senza che alcuno dei destinatari finali, i Vigili, si senta colpito in modo diretto e personale. Perché così non è. Impensabile e fuori luogo. A maggior ragione se i Vigili urbani, dipendenti comunali, d’un tratto esprimono posizioni in difesa corporativa delle scelte politiche dell’amministrazione. Stranisce vedere i Vigili urbani parte integrante della dialettica politica e allora non si può evitare di pensare che l’intervento sia stato loro confezionato da chi oggi invita alla “pacatezza”. A non scendere nel personale».

    Una questione che molto ha fatto dibattere anche la cittadinanza. Ma gli ex-An virano e ritornano sulle indiscrezioni trapelate dal quotidiano La Repubblica circa possibili infiltrazioni mafiose nel comune ofantino. «Da mesi attendiamo, alla stessa stregua, che il sindaco alzi gli scudi e difenda Cerignola dalle accuse di infiltrazione mafiosa nelle istituzioni. Perché noi, da cittadini, sì che ci sentiamo offesi se anche un quotidiano come Repubblica scrive di noi che la città è in mano alla mafia. Se non è vero, si quereli chi afferma cose così diffamanti. E invece si tace».

    La “pacatezza” sollecitata da Metta risulta indigesta agli azzurri fiammati che ricordano a proposito del primo cittadino: «tornano alla mente gli auguri di Pasqua in cui si auspicavano malori ed incidenti a taluni destinatari, le invettive, gli scherni sul fisico, i soprannomi irriverenti, le offese, le cose accadute nelle diverse campagne elettorali. Atteggiamenti mai pacati, né dismessi. E si capisce che, anni dopo, non si possono prendere lezioni di “pacatezza” da lui». Un segnale preciso che Fratelli d’Italia prova a lanciare all’amministrazione, nella volontà di voler segnare il confine, smarcandosi apertamente nonostante le timidezze del passato.

    5 COMMENTS

    1. e bravi questi ragazzi, un bel comunicato, parole semplici e chiare. condivido pienamente l’idea, che non si possono prendere lezioni di pacatezza da questo signore, che per dieci anni ha offeso pesantemente le istituzioni e professionisti seri augurandole ogni male possibile. caro sig Sindaco chi la fa l’aspetti, il male che fai prima o poi ti ritorna sempre indietro e con gli interessi