More

    HomeEvidenzaElezioni Provinciali, eletto Tommaso Sgarro. Nulla da fare per Loredana Lepore

    Elezioni Provinciali, eletto Tommaso Sgarro. Nulla da fare per Loredana Lepore

    Pubblicato il

    E’ cominciato questa mattina alle 9,00 lo spoglio per le elezioni provinciali, la consultazione di consiglieri comunali e sindaci di Capitanata che eleggerà il nuovo consiglio provinciale presieduto sempre da Francesco Miglio.

    Bottino pieno per il Partito Democratico a cui vanno quattro seggi, con Angelo Riccardi più suffragato, Leonardo Cavalieri, il cerignolano Tommaso Sgarro e Pasquale Russo. Saranno quattro i consiglieri anche per Capitanata Civica che ha eletto Rosario Cusmai (più suffragato in assoluto), Michele Sementino, Giuseppe Pitta e Raimondo Ursitti. Due consiglieri vanno a Forza Italia, ovvero Pasquale Cataneo e Joseph Splendido. Un solo rappresentante per Area Popolare che elegge Gaetano Cusenza e Giuseppe Mangiacotti per l’Udc.

    CERIGNOLA E I SUOI Niente da fare per Loredana Lepore che ha messo insieme solo 8 voti (2584 preferenze) e non è riuscita ad entrare a Palazzo Dogana. Partita col vantaggio della “maggioranza” la cicognina non è stata capace di far convergere su di sé i quindici voti disponibili in maggioranza e  intercettare gli eventuali due voti di Forza Italia. Se infatti i forzisti pare abbiano seguito l’ordine di scuderia, il gruppo “Federazione Civica” ha portato a Giuseppe Mangiacotti i propri quattro voti (Paparella, Frisani, Limotta e Specchio). Il consigliere Teresa Lapiccirella gira voce che abbia votato un candidato di centrosinistra non cerignolano. Sono quindi due le preferenze a mancare tra i cicognini, secondo alcuni passate, sulla base di un’intesa, a Rosario Cusmai. Un risultato che di certo alimenterà tensioni nel gruppo mettiano, del quale Lepore è espressione.

    Tommaso Sgarro invece con 6047 preferenze, racimolate tra Cerignola e il resto della provincia conquista un posto nell’assise provinciale, piazzandosi terzo tra i quattro eletti dei democrats. Un risultato che vale doppio se si considera la partenza del consigliere da una posizione di minoranza nel proprio comune di residenza.