More

    HomeSportCalcioLa parabola di Di Cillo e un grande Abagnale: il Cerignola passa...

    La parabola di Di Cillo e un grande Abagnale: il Cerignola passa a Gravina

    I gialloblu soffrono ma portano via la quarta vittoria esterna consecutiva

    Pubblicato il

    Pratico, cinico, dalla grande tempra: l’Audace Cerignola supera il Gravina grazie al gol di Di Cillo e supera un altro duro ostacolo nella quindicesima giornata di serie D. Senza Louzada alle prese con la varicella e Morra sempre infortunato, Grimaldi nel 4-3-3 fa esordire Allegrini in difesa, ritrova Vicedomini e sorprende con l’under Cianci nei tre davanti. Deleonardis manda in campo un 5-3-2 con Molinari-Lionetti coppia d’attacco e Fanelli playmaker. Prima del fischio d’inizio, lunghi applausi per Gargiulo, l’esterno dei baresi infortunatosi nel precedente turno con l’Altamura: lo striscione a centrocampo testimonia la vicinanza di tutti gli sportivi.

    Lunga fase di studio, tant’è che al quarto d’ora non si registrano occasioni da gol: si gioca prevalentemente a centrocampo con squadre compatte. Al 21′ è Ceglie ad indirizzare dalle parti di Abagnale, senza problemi il numero ventidue ofantino. Loiodice prova l’iniziativa personale, non inquadrando il bersaglio grosso: il fantasista e Cianci si scambiano le rispettive fasce di competenza, poi nella seconda metà di prima frazione il match si accende. Mbida trova pronto Abagnale con un destro al volo dopo respinta di Luca Russo, ma il portiere campano dà il meglio di sé un minuto più tardi. Vicedomini perde banalmente palla ed innesca il contropiede murgiano: Leonetti supera Allegrini e centra per Molinari, il cui colpo di testa è ricacciato in corner dall’autentico miracolo di un Abagnale che sarà grande protagonista anche in seguito. Un tiro cross di Luca Russo è alzato in corner da Loliva, e proprio al 45′ il gol partita. Di Cillo (uno degli ex della gara) sull’out di sinistra fa partire una parabola che si insacca nel sette opposto, ingannando il portiere di casa. Rete magari anche fortunosa, certamente preziosissima.

    Ad inizio ripresa c’è Caruso, per un Gravina più offensivo: al 47′ Leonetti in controbalzo, sfera a lato. L’Audace replica con il debole squillo di Longo, poi Loliva si disimpegna bene sempre sul bomber napoletano, deviando in angolo (possesso perso da Fanelli). Grimaldi inserisce Cappellari per Cianci, avanzando Luca Russo: al 67′ ancora maestoso Abagnale, che respinge la stoccata da distanza ravvicinata di Leonetti. Il Gravina si riversa in avanti alla ricerca del pareggio, il Cerignola stringe i denti e serra le fila. Altra grande pallagol per i locali all’80’: traversone di Ceglie, l’impatto di Caruso manda il pallone a sbattere contro il montante. Nel frattempo Grimaldi inserisce Ngom e Sante Russo: il centrocampista ispira Longo, solo che l’inzuccata si perde alta. Ultima occasione per il Gravina al minuto 85: D’Orsi in mischia spara alto da pochi metri. É festa Audace, rimpianti Gravina perché l’undici di Deleonardis avrebbe meritato qualcosa in più. Quarto successo esterno consecutivo per un Cerignola che incrementa classifica, autostima e potenzialità. Domenica prossima il confronto interno col Picerno, a conclusione della prima metà di stagione.

    GRAVINA-AUDACE CERIGNOLA 0-1

    Gravina: Loliva, D’Orsi, Ceglie, Fanelli, Cacace, Anaclerio, Gava (46′ Caruso), Mbida (64′ Chiaradia), Molinari, Leonetti, Ferraioli (82′ Salatino). A disposizione: De Santis, Cilifrese, Balzano, Cardinale, Dininno, Deleonardis. Allenatore: Antonio Deleonardis.

    Audace Cerignola: Abagnale, Russo L. (83′ Russo S.), Allegrini, Di Bari, Di Cillo, Marinaro C. (73′ Ngom), Pollidori, Vicedomini, Loiodice, Longo, Cianci (57′ Cappellari). A disposizione: Maraolo, Compierchio, Ciano, Matere, Parise, Vigliotti. Allenatore: Teore Grimaldi.

    Rete: 45′ Di Cillo.

    Ammoniti: Anaclerio (G); Pollidori, Di Bari, Cappellari (AC).

    Angoli: 5-8.

    Fuorigioco: 4-1.

    Recuperi: 2′ pt, 4′ st.

    Arbitro: Repace (Perugia). Assistenti: Bejko (Jesi)-Cicchitti (Chieti).

    CLASSIFICA: Team Altamura 40, Potenza 39, Audace Cerignola 38; Cavese 37; Taranto, Gravina 26; Picerno 25; Nardò 23; Pomigliano 20; Sarnese, Gragnano 18; Francavilla in Sinni 14; Turris (-4), Frattese 13; Manfredonia Calcio 12; Alto Tavoliere San Severo 11; Aversa Normanna 10; Sporting Fulgor 9.